Guardate attentamente!

Una ragazza stava aspettando il suo volo nella sala d’attesa dell’aeroporto. Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo decise di compmprare un libro da leggere; acquistò anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare più tranquilla, accanto a lei c’era un signore che leggeva il giornale. Iniziò a leggere il suo libro e quando prese il primo biscotto anche il signore ne prese uno: lei si sentì stupita e irritata, ma continuò a leggere il suo libro, pensando: “Ma tu guarda questo maleducato, se solo avessi un pò più di coraggio gli direi il fatto suo!” Così ogni volta che lei prendeva un biscotto, l’uomo accanto con perfetta disinvoltura ne prendeva uno anche lui. Continuarono così finchè rimase un solo biscotto e la ragazza pensò: “Ah adesso voglio proprio vedere cosa dice quando saranno finiti tutti!”. L’uomo prese l’ultimo biscotto e lo divise a metà. “Questo è troppo” pensò lei indignata prese le sue cose e se ne andò.

Quando si sentì un pò meglio, la rabbia fu sbollita, si sedette da un’altra parte e ripose il libro nella borsa… accorgendosi che il suo pacchetto di biscotti era ancora lì tutto intero! Sentì tanta vergogna e comprese che il pacchetto di biscotti uguale al suo era di quel signore che aveva diviso i biscotti con con lei senza indignarsi, mentre lei si era sentita offesa e ferita nell’orgoglio.

MORALE:

Quante volte in vita nostra avremo mangito i biscotti di un altro senza saperlo? Prima di arrivare ad una conclusione affrettata e prima di giudicare male le persone GUARDIAMO ATTENTAMENTE le cose; spesso non sono come sembrano! Ci sono cose nella vita che NON si recuperano, tra queste:

  • una pietra dopo averla lanciata
  • una parola dopo averla detta
  • un’opportunità dopo averla persa
  • il tempo dopo che è trascorso
  • l’amore dopo che si è rovinato

Qualcuno una volta ha detto: “Lavora come se non avessi bisogno dei soldi, Ama come se non avessi mai sofferto, Balla come se nessuno ti stesse guardando, canta come se nessuno ti stesse ascoltando, Vivi come se il paradso fosse qui sulla terra”.

sposarsi allunga la vita

Lo ha provato un nuovo studio dell’università di Cardiff, secondo il quale mettendo l’anello al dito lui vede lievitare i benefici fisici mentre lei ci guadagna in salute mentale. Secondo i ricercatori, la salute di lui migliora grazie agli influssi positivi della moglie, che induce il marito a stili di vita più sani, mentre per lei è l’importanza data al rapporto a due a migliorare il benessere mentale. Ma non sempre l’amore fa bene. Secondo gli studiosi le relazioni in età adolescenziale aumentano la possibilità di sviluppare sintomi depressivi tra i teenager. I dati già raccolti dimostrano poi che i single hanno un equilibrio mentale migliore rispetto a chi vive una relazione burrascosa. Senza dimenticare che la fine di una relazione e il divorzio hanno un impatto devastante sulla salute. Così come l’amore fedifrago: avere più partner è collegato a un rischio maggiore di morte prematura. …CI CREDIAMO?

la vita è come una siepe fiorita

La vita è come una siepe fiorita in una foresta di solitudine dove le foglie sono le speranze, i fiori i sogni, le spine i giorni tristi della vita. Sorridi perchè le spine, una alla volta cadranno e la siepe fiorirà ancora a primavera.

Quali sono le vostre palline da golf?

Un professore, prima di iniziare la sua lezione di filosofia, pose alcuni oggetti davanti a sé, sulla cattedra. Senza dire nulla, quando la lezione iniziò, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo riempì con delle palline da golf. Domandò quindi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si. Allora, il professore rovesciò dentro il barattolo una scatola di sassolini, scuotendolo leggermente. I sassolini occuparono gli spazi fra le palline da golf. Domandò quindi, di nuovo, ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si. Il professore, rovesciò dentro il barattolo una scatola di sabbia. Naturalmente, la sabbia occupò tutti gli spazi liberi. Egli domandò ancura una volta agli studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero con un si unanime. Il professore tirò fuori da sotto la cattedra due bicchieri di vino rosso e li rovesciò interamente dentro il barattolo, riempiendo tutto lo spazio fra i granelli di sabbia. Gli studenti risero!
“Ora”, disse il professore quando la risata finì, “vorrei che voi cosideraste questo barattolo la vostra vita. Le palline da golf sono le cose importanti; vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e cose che preferite cose che se rimanessero dopo che tutto il resto fosse perduto riempirebbero comunque la vostra esistenza; “I sassolini sono le altre cose che contano, come il vostro lavoro, la vostra casa, l’automobile. La sabbia è tutto il resto, le piccole cose.”
“Se metteste nel barattolo per prima la sabbia”, continuò, “non resterebbe spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso accade per la vita.
Se usate tutto il vostro tempo e la vostra energia per le piccole cose, non vi potrete mai dedicare alle cose che per voi sono veramente importanti.

“Curatevi delle cose che sono fondamentali per la vostra felicità. Giocate con i vostri figli, tenete sotto controllo la vostra salute. Portate il vostro partner a cena fuori. Giocate altre 18 buche! Fatevi un altro giro sugli sci! C’è sempre tempo per sistemare la casa e per buttare l’immondizia. Dedicatevi prima di tutto alle palline da golf, le cose che contano sul serio.

Il lavoro è un sassolino? siamo proprio proprio sicuri che le piccole cose siano solo sabbia?
Certo è che è solo un’invito a non lasciarsi affogare da cose di poco valore che portano via tempo e non lasciano spazio per ciò che è più importante.
le piccole cose A VOLTE, CAMBIANO LA VITA
ma tutti quanti sanno veramente quali sono per sè stessi le palline da golf? e i sassolini? e la sabbia?
Il problema più grave è proprio questo… moltissimi non sanno neanche questo… non sapendolo, non sanno di conseguenza neanche a cosa dare priorità… cosa ritenere più importante..
Concludendo, nella vita di ogni giorno, bisognerebbe pensare di più a cose così… bisognerebbe pensare bene a ciò che si ha, e a come sarebbe se non ce l’avessimo… bisognerebbe impersonificarcisi per capirlo veramente… ogni tanto bisognerebbe fermarsi a pensare, per tenere queste cose presenti… perchè travolti da tutte le cose di ogni giorno non ce se ne rende conto…

Giornata mondiale dell’Acqua

La giornata del 22 marzo come World Water Day è stata istituita nel 1992 dalla Conferenza sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite. Dal 22 marzo 1993 rappresenta ogni anno un’occasione per focalizzare l’attenzione su uno specifico aspetto della critica questione dell’acqua dolce, con particolare riguardo alle prospettive di accessibilità e sostenibilità delle risorse di questo bene; “Clean Water for a Healthy World”la qualità dell’acqua è il tema scelto per il 2010. Il significato della Giornata mondiale dell’Acqua si concretizza nella necessità di promuovere attività di informazione ed educazione all’utilizzo e al trattamento dell’acqua potabile; questo perchè:

▪ oltre un miliardo di persone non vi hanno accesso

▪ nel XX secolo il consumo di acqua è cresciuto del doppio rispetto al tasso di crescita della popolazione

▪ nei paesi in via di sviluppo il 90% delle acque reflue non viene trattato, mentre dispersioni e sprechi causano la perdita del 50% dell’acqua da bere e del 60% delle acque irrigue

▪ il divario sul consumo medio di acqua tra paesi occidentali e paesi in via di sviluppo è incalcolabile e moralmente deprecabile

▪ il pompaggio intensivo delle acque freatiche costringe intere regioni a carenze idriche croniche e ne sta peggiorando la qualità

Non è un caso che alle celebrazioni che quest’anno si terranno a Nairobi si voglia porre l’accento sui trattamenti e sulle tecnologie riservati all’acqua, quindi alle conseguenze sulla salute che ne derivano. Come non è un caso che questo sforzo venga sottoscritto anche dall’UNESCO: preservare l’acqua è un obiettivo prima di tutto culturale, indipendentemente dalla regione del mondo di cui si è cittadini.