ricordi del mio matrimonio

Matrimonio Sarah 203

iniziano i preparativi …ma nel mio cuoricino

Quanto lavoro. Dicono che c’è crisi ma io l’avverto esclusivamente nel mio stipendio! Per il resto corro quotidianamente a destra e sinistra (nulla di nuovo) ma con una carica che sto scoprendo da poco. Non riesco a capire nemmeno da dove mi viene tutto questo sano menefreghismo, una cosa veramente incantevole!! Finalmente vedo i frutti di un impegno costante concretizzarsi, l’applicazione di studi, di calziate ricevute, di lezioni costate sudore… ma vi dirò, nonostante la mia personale autostima mi importa poco… ubriaca? eterna insoddisfatta? Ditemi voi. Se state organizzando il vostro matrimonio può interessarvi qualcosa più di questo?? Assolutamente no, appunto. Ebbene io sono in queste condizioni e se il risultato è questo mi sposerei almeno 300 volte!! Iniziano i preparativi sebbene con tutto il da fare che c’è ancora solo nel mio cuoricino.

sposarsi allunga la vita

Lo ha provato un nuovo studio dell’università di Cardiff, secondo il quale mettendo l’anello al dito lui vede lievitare i benefici fisici mentre lei ci guadagna in salute mentale. Secondo i ricercatori, la salute di lui migliora grazie agli influssi positivi della moglie, che induce il marito a stili di vita più sani, mentre per lei è l’importanza data al rapporto a due a migliorare il benessere mentale. Ma non sempre l’amore fa bene. Secondo gli studiosi le relazioni in età adolescenziale aumentano la possibilità di sviluppare sintomi depressivi tra i teenager. I dati già raccolti dimostrano poi che i single hanno un equilibrio mentale migliore rispetto a chi vive una relazione burrascosa. Senza dimenticare che la fine di una relazione e il divorzio hanno un impatto devastante sulla salute. Così come l’amore fedifrago: avere più partner è collegato a un rischio maggiore di morte prematura. …CI CREDIAMO?

Che cos’è il Matrimonio, maestro?

”Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos’è il Matrimonio, maestro?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini;
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro”. (
Gibran)