• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

ricordi del mio matrimonio

Matrimonio Sarah 203

Annunci

iniziano i preparativi …ma nel mio cuoricino

Quanto lavoro. Dicono che c’è crisi ma io l’avverto esclusivamente nel mio stipendio! Per il resto corro quotidianamente a destra e sinistra (nulla di nuovo) ma con una carica che sto scoprendo da poco. Non riesco a capire nemmeno da dove mi viene tutto questo sano menefreghismo, una cosa veramente incantevole!! Finalmente vedo i frutti di un impegno costante concretizzarsi, l’applicazione di studi, di calziate ricevute, di lezioni costate sudore… ma vi dirò, nonostante la mia personale autostima mi importa poco… ubriaca? eterna insoddisfatta? Ditemi voi. Se state organizzando il vostro matrimonio può interessarvi qualcosa più di questo?? Assolutamente no, appunto. Ebbene io sono in queste condizioni e se il risultato è questo mi sposerei almeno 300 volte!! Iniziano i preparativi sebbene con tutto il da fare che c’è ancora solo nel mio cuoricino.

sposarsi allunga la vita

Lo ha provato un nuovo studio dell’università di Cardiff, secondo il quale mettendo l’anello al dito lui vede lievitare i benefici fisici mentre lei ci guadagna in salute mentale. Secondo i ricercatori, la salute di lui migliora grazie agli influssi positivi della moglie, che induce il marito a stili di vita più sani, mentre per lei è l’importanza data al rapporto a due a migliorare il benessere mentale. Ma non sempre l’amore fa bene. Secondo gli studiosi le relazioni in età adolescenziale aumentano la possibilità di sviluppare sintomi depressivi tra i teenager. I dati già raccolti dimostrano poi che i single hanno un equilibrio mentale migliore rispetto a chi vive una relazione burrascosa. Senza dimenticare che la fine di una relazione e il divorzio hanno un impatto devastante sulla salute. Così come l’amore fedifrago: avere più partner è collegato a un rischio maggiore di morte prematura. …CI CREDIAMO?

Che cos’è il Matrimonio, maestro?

”Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos’è il Matrimonio, maestro?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini;
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro”. (
Gibran)