• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

maschietto o femminuccia?

Fra le credenze più diffuse, il fatto che gli spermatozoi ‘maschili’ correrebbero più in fretta di quelli ‘femminili’, resistendo di più all’ambiente acido della vagina. Da quì l’idea negli anni Ottanta di inondare la vagina con una soluzione alcalina, come il bicarbonato, prima dei rapporti sessuali. Altra credenza diffusa riguarda la posizione del letto: le penetrazioni più profonde porterebbero ad avere figli maschi. Più di recente si è diffusa la notizia che una dieta ipercalorica della madre darebbe origine a un maschietto. Ma la verità su tutte queste credenze è scarsamente comprovata scientificamente. Ed esiste soltanto un piccolo margine di possibilità di influenzare il sesso del nascituro. Vi sono poi due strategie conosciute che si basano però su ipotesi mai dimostrate.

  • La prima parte dal presupposto che gli spermatozoi contenenti il cromosoma sessuale X (che determina il sesso femminile) sono più lenti ma vivono più a lungo rispetto agli spermatozoi contenenti il cromosoma sessuale Y (determina il sesso maschile), velocissimi ma con un ciclo vitale breve. Di conseguenza fare l’amore il giorno esatto dell’ovulazione favorirebbe il concepimento di un figlio maschio, mentre fare l’amore uno-due giorni prima aiuterebbe ad avere una bambina.
  • L’altro metodo è basato sull’idea che pesci, salumi e carni favoriscano la vitalità degli spermatozoi Y; latte, latticini e carboidrati quella degli spermatozoi X. La dieta dell’aspirante mamma per almeno tre mesi prima del concepimento dovrebbe dunque privilegiare gli uni o gli altri alimenti a seconda del sesso desiderato.

Di fatto il sesso del bambino dipende sempre e comunque dal padre e, più di preciso, dall’eventualità che l’uovo femminile sia fecondato da uno spermatozoo portatore di X o di Y. L’uovo femminile non incide sul sesso del figlio perché contiene solo il cromosoma sessuale X. Due X danno una bambina, una X e una Y un maschietto. Responsabile dei contenuti medico-scientifici: dott. Claudio Ivan Brambilla

Annunci