• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

La mia Tata consiglia!

Siamo nuovamente a sabato, nonostante il grigiore avete intenzione anche questo fine settimana di portare l’intera famigliola in gita? La mia Tata consiglia! Questa volta ci spostiamo nel Catanese, in un piccolo paese di nome Aci Trezza (in siciliano Trizza). Acitrezza è una frazione del comune di Aci Castello. Centro peschereccio di antica e notevole tradizione, è famoso per il suo paesaggio. Il panorama di Aci Trezza è dominato dai faraglioni dei Ciclopi: otto pittoreschi scogli basaltici che, secondo la leggenda, furono lanciati da Polifemo ad Ulisse durante la sua fuga. I faraglioni compaiono sugli stemmi dei comuni di Aci Castello, Acireale, Aci Bonaccorsi, Aci Catena. Poco distante dalla costa (a circa 400 m di distanza), è presente l’Isola Lachea, identificata con l’omerica Isola delle Capre e che attualmente ospita la sede di una stazione di studi di biologia dell’Università degli Studi di Catania.Fu il paese in cui Giovanni Verga ambientò il famoso romanzo I Malavoglia (1881) e nel quale, nel 1948, venne girato il film La terra trema di Luchino Visconti e Antonio Pietrangeli, capolavoro del neorealismo realizzato con attori non professionisti abitanti del luogo. Sempre ad Aci Trezza venne realizzato parte del film finlandese Rosso.

Annunci

Museo della Casa del Nespolo

La casa del nespolo è situtata nel cuore della vecchia Trezza, quasi in cima ad una viuzza vicino all’unica chiesa; ogni visitatore rimane subito colpito dalla struttura architettonica tipica siciliana della fine dell’800 che lo compone … il cortile, le piccole stanze che vi si affacciano e il portone di ingresso che è un arco a tutto sesto in pietra lavica.E’ la casa dei Malavoglia, la casa da dove dice il Verga si sentiva “russare” il mare…. All’interno del museo due sale: la prima, la sala del film “la terra trema” dedicata al regista L. Visconti, che nel 1947 arriva ad Acitrezza e pensa di girare questo film non con attori professionisti, ma con gente scelta interamente fra gli abitanti del piccolo borgo marinaro. La seconda sala, è la sala “Malavoglia”, dove si trovano vecchi arnesi da pesca. Alla casa del nespolo non poteva mancare qualcosa che appartenesse al Verga, alle pareti alcune lettere dello scrittore al fratello Pietro e in un angolo un catalogo che contiene una raccolta di foto scattate direttamente dal Verga.