• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Relax

10003910_10153159749467510_6446841976709264796_n 11100091_10153159749372510_7856170851808625327_n

Annunci

Brigante se more

Ammo pusato chitarre e tammorre
ca chesta musica s’ha ‘dda cagná
simmo briganti e facimmo paura
‘e ‘ca scupetta vulimme cantá
||: eh oh ha ha ha ha :||
E mó cantammo `sta nova canzone
ca tutt`a gente se l`ha da impará
nun ce ne fotte d`un re borbone
||: la terra è nostra e nun s’ha da tuccá :||
Tutt´o paese la Basilicata
s’e cetato e mo vonn’ luttá
pur’ a Calabria mó s’ha arrevotata
||: e ò Piemontese vulimmo cacciá :||
Chi vide o lupo se mise paura
nun saprá bona ca la veritá
ma un vero lupo è chi magna ´a creatura
||: e `sto nemico facimme tremá :||
Femmine belle chetate lu core
si lu brigante vulite salvá
nun lu cercate scordateve o nome
||: chi c´è fa guerra nun tiene pietá :||
Omo se nasce brigante se more
ma fino all’ ultimo avimm’a spará
e si murimmo menate nu ciore
||: ‘e na jastemma pe sta’ libertà :II

Canzone per Iuzzella

Quando nasciste tu forma d’argento
nasciste a lu tiempo
de la luna nova ‘ncielo sulo e stelle pe curona.

Luna cresciente tu da stu giardino
cuglivi a uno a uno
tutti li culure
de la primmavera chiena ‘e sciure.

A li tre notte de la luna chiena
tu ce si venuta
pe fare l’ammore
pe vasà tre vote chistu core.

Luna calante tu te si addormuta
comme a na palomma
ca ce vò murire
novi amanti statemi a sentire

Agnese

Se la mia chitarra piange dolcemente
stasera non è sera di vedere gente
e i giochi nella strada
che ho chiusi dentro al petto
mi voglio ricordare.
Io penso ad un barcone
rovesciato al sole
in un giorno in pieno agosto
le biciclette in riva al mare
Agnese mi parlava
della sabbia infuocata
ed io non so perché
non l’ho dimenticata.
Lei mi raccontava
di quello che la gente
diceva del suo corpo
con malizia ed allegria
ed io che sto provando le cose che provavo ieri
non ho capito ancora.
Se è gelosia o se sono prigioniero
di questo cielo nero
e di un ricordo che fa male
e se continuo a bere i miei liquori inquinati
è vero che quei giorni
non li ho dimenticati.
È uscito un po’ di sole
da questo cielo nero
l’inverno cittadino
sembra quasi uno straniero
Agnese dolce Agnese
color di cioccolata
adesso che ci penso
non ti ho mai baciata.
Agnese dolce Agnese
color di cioccolata
adesso che ci penso…
Io vado in bicicletta
per sentirmi vivo
alle cinque di mattina
con la nebbia nei polmoni
però non c’è più Agnese
seduta sul manubrio
a cantar canzoni
a cantar canzoni.

Quanno ‘O Sole E’ Doce

Title: Quanno 'O Sole E' Doce
Artist: Eugenio Bennato


Mi              Si-
Quanno o sole è doce 
                Mi
E te miette ‘ncammino
           Si-
Fèrmate nu poco
            mi
Pe senti la voce
                Si-
De la chiara funtana.

Comm’a na preghiera
Chest’acqua fresca
Ca te benedice
Fino a quanno è sera
Fattela bastare.

Cunusciuto e avuto
Terra benediciuta
Cresce la semenza
E l’ommo po’ campà
Vola vola l’ammore
E portale nu sciore
E po’ torna da me.

Sulo pe chi resta
Sta fatica è amara
Ma nun ce pensare
Ca dimane è festa
Festa d’a Madonna.

Festa a lu paese 
Na Madonna nera 
Pe chi è riturnato
Sulo pe sto mese
Da na terra luntana.

Comm’è longa a via
Pe turnà a casa mia
Stelle de lu cielo
M’ata accumpagnà
Quann’è bello o culore
De la notte ca more 
Schiara juorno già.

PASOLINI

1098272_208205566008547_1534224006_n

Avrà ancora senso?

Sono in auto, una fantastica giornata di primavera. Il caldo finalmente é tornato ad arrossarci le guance ed io sono tornata quella di un tempo, felice, spensierata e soprattutto Mamma. Ho volutamente messo la m maiuscolo non per attribuirmi chissà quale merito ma perché il lavoro di mamma è già di suo da considerare importante! Ti sfianca e ti realizza, assorbe tutte le tue energie (anche quelle che non pensavi potessi avere!) e allora adesso “avrà ancora senso tenere il blog aperto”? Il mio diario virtuale a cui non mi appoggio più, che potrei inserire tra la lista delle cose da fare ma tra quelle “che anche se non ci arrivo fa lo stesso”. Infondo essere mamma è anche questo, imparare a gestire tutto, diventare grande.