• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Il mio amore

2015/02/img_2406.jpg

Annunci

Daniel Pennac

Il mondo di sopra è abitato dagli orsi e il mondo di sotto dai topi. È risaputo: i due mondi sono incompatibili e i loro popoli sono acerrimi, secolari nemici. Dunque, com’è possibile? Eppure, nessuno potrà impedire a questi due bizzarri e dolcissimi personaggi di diventare compagni inseparabili. Prima però dovranno affrontare mille peripezie e pericoli, sfuggire a una miriade di topi furiosi attraversando i cunicoli delle fogne, evadere da un furgone blindato della polizia, scappare su un camioncino di dolci rubato, per rifugiarsi nella calda e accogliente casa nel bosco, nascosta sotto una coltre di neve.

Sono riuscita a leggerlo durante il primo mese del mio essere mamma quindi è assolutamente scorrevole!! Veramente carino 😊

2015/02/img_2412.jpg

Gabrielle Vincent

Gabrielle Vincent (nome d’arte di Monique Martin, Bruxelles 1928-2000) è considerata una delle più grandi illustratrici del XX secolo. La sua forza si sprigiona dalla capacità di raccontare la vita di tutti i giorni con sentimento e semplicità, uniti a uno straordinario virtuosismo grafico. Nel 2011 Gallucci ha portato in Italia la sua opera con Un giorno, un cane, il titolo forse più toccante. La pubblicazione prosegue ora con le storie di Ernest e Celestine. Nata dalla sua tavolozza di pittrice, la serie è diventata in pochi anni un classico internazionale.

2015/02/img_2414.jpg

2015/02/img_2413.jpg