• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
    Lilia da Frusseda su MIMMO
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Si ricomincia :(

L’estate ormai è finita. Almeno la mia. Da domani si ricomincia il tran tran quotidiano e guardando nella mia preziosissima agenda (per chi è sbadato l’agenda è bene assai prezioso!) le cose da fare non mancano proprio. Eppure, sarà perché mi sono fatta prendere dal riposo assoluto, non ne ho proprio voglia. Ogni anno adoravo il momento di riprendere anche solo per i rituali del primo giorno di rimettere a posto la scrivania, gettare il vecchio preparandosi al nuovo, frenare i ritmi frenetici al gusto di un caffè lungo della macchinetta o informarsi con i colleghi sulla loro estate. Onestamente non ho voglia di niente di tutto ciò. Men che meno ascoltare i colleghi. Non me ne vogliano!! Il mio sarà un rientro energico (ho tempo di fare tutto ciò che avrei dovuto fare fino a marzo entro natale poi mi tocca l’obbligo al riposo forzato della gravidanza) e allo stesso tempo silente. Un rientro in solitaria. Domani vedremo cosa avrò da raccontarvi… Intanto vi mostro una mia creazione estiva in preparazione al lieto evento. Ancora non è pronta ma mi ritengo piuttosto soddisfatta 🙂

IMG_0791.JPG

ricordi del mio matrimonio

Matrimonio Sarah 203

per il mio bimbo

Tra tutte le canzoni dedicate ai propri figli credo che questa si addica più al mio modo di essere. Per te Bimbo mio:

Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti
e le tue risate pulite e piene, quasi senza rimorsi o pentimenti,
ma come vorrei avere da guardare ancora tutto come i libri da sfogliare
e avere ancora tutto, o quasi tutto, da provare…

Culodritto, che vai via sicura, trasformando dal vivo cromosomi corsari
di longobardi, di celti e romani dell’ antica pianura, di montanari,
reginetta dei telecomandi, di gnosi assolute che asserisci e domandi,
di sospetto e di fede nel mondo curioso dei grandi,

anche se non avrai le mie risse terrose di campi, cortile e di strade 
e non saprai che sapore ha il sapore dell’ uva rubato a un filare, 
presto ti accorgerai com’è facile farsi un’ inutile software di scienza 
e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza… 
Culodritto, cosa vuoi che ti dica? Solo che costa sempre fatica 
e che il vivere è sempre quello, ma è storia antica, Culodritto… 

dammi ancora la mano, anche se quello di stringerla è solo un pretesto
per sentire quella tua fiducia totale che nessuno mi ha dato o mi ha mai chiesto;
vola, vola tu, dov’ io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto…
vola, vola tu, dov’ io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare 
e dove è ancora tutto, o quasi tutto, da sbagliare…

suspance ;)

Suspance, durata pochi attimi. Poi la dottoressa si è espressa: Indubbiamente…

images

sarà un maschio!