in treno ho letto un libro

9788823505032Con il libro dal titolo Storia di una lumaca che scoprì l’importanza di essere lenta, l’autore di origini cilene Luis Sepulveda racconta una storia in cui mescola la spensierata delicatezza delle favole con una profondità di contenuti di cui solo un grande scrittore è capace. Fedele al genere della favola, l’autore ha deciso di trattare tematiche attualissime ed importanti utilizzando un linguaggio semplice e prendendo come protagonista un animale antropomorfo. In precedenza Sepulveda aveva già sperimentato questo genere narrativo, prima con Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, con il quale ha raccontato l’amicizia, la solidarietà e l’amore per la natura, poi con Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico, in cui ha raccontato una tenera storia di amicizia nella diversità. Adesso l’autore cileno, attraverso un nuovo animale, affronta la dimensione temporale della società moderna, i ritmi frenetici che dominano le nostre vite, l’ansia che genera la perdita dei ritmi naturali, l’assenza di momenti da dedicare alla riflessione e alla conoscenza di sé stessi. Sepulveda sceglie un animale lento per antonomasia, la lumaca, che si muove in un mondo che ha smarrito la dimensione del tempo, preferendo la velocità e la frenesia alla lentezza, agli spazi per la riflessione. La lumaca, al contrario, conosce i pregi della lentezza, e di quelle dimensioni temporali che permettono di apprezzare le persone e i dettagli del mondo che ci circonda. Con Storia di una lumaca che scoprì l’importanza di essere lenta, Luis Sepulveda riconsegna il giusto valore al tempo.

Che fine ha fatto la poesia?

CHE FINE HA FATTO LA POESIA?

SOL
Che fine ha fatto la poesia
LAm
la cerco e non la trovo
DO
mi sa che è andata via
RE                               SOL
chissà se tornerà di nuovo
MIm                          SIm                                  LAm
più mi guardo intorno e più mi rendo conto che non c’ è
DO                       RE                     SOL          RE7
quel che rimane degli umani mi fa sospettare che…

forse si è offesa la poesia
ed è per questo che non parla
scioccata dalle luci di una macchina tamarra
terrorizzata dalle donne con borsetta, tacco alto e sigaretta
cockteil in mano, vestito buono e dai cervelli nient’ altro ci si aspetta

Che fine hai fatto mia poesia?
forse sei sola e piangi
dentro una tabbaccheria
perchè hai perso al gratta e vinci
forse sei al supermercato tra milioni di scaffali
DO                           RE                      SOL        MI7
a buttare in un carrello tante gioie che stanno per scadere

LA
Che fine ha fatto la poesia
SIm
forse è in un vicolo e si droga
RE
o forse è dentro un bar e gioca
MI                                LA
con un videopoker che non paga
FA#m                                     DO#m             SIm
forse ubriaca che barcolla tra le strade di un paesino
RE                           MI                              LA    FA#7
forse si è sciolta nella sincerità di due litri di vino

SI
Che fine ha fatto la poesia?
DO#m
Forse è andata verso il mare
MI                          FA#                                      SI
quindi se è morta è colpa mia che non gli ho insegnato mai a nuotare
SOL#m                         RE#m                             DO#m
in questo mare di parole, di persone, di opinioni lei nuotava
MI                                                FA#                                SI
ed è annegata coi suoi versi e tutti gli altri l’ han lasciata li che urlava

DO#
ti prego torna mia poesia
RE#m
ti prego guardami negli occhi
FA#
guarda che malinconia
SOL#                          DO#
da quando non mi tocchi
SIbm                               FAm                 RE#m
qui non mi scuote niente, non mi stimola nessuno,
FA#                    SOL#                         DO#
quanta fame di te, da troppo tempo sto a digiuno.

Davide Di Rosolini i miei complimenti!