• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

…e grazie

arrivederci Ho iniziato a scrivere questo diario virtuale ormai qualche anno fa… All’inizio, come ogni storia che si rispetti era piena di entusiasmo, di voglia di fare e di scrivere. Il blog nasce, lo ricordo per chi si ritrova solo da poco in queste pagine, per un’altra volontà, quello di divulgare notizie opinioni e stati d’animo di chi quotidianamente aveva a che fare con bambini, mamme, pappine e pannolini. Gran parte del 2012 è dedicato alle favole, alle rime, ai colori, ai giochi e soprattutto alle novità del settore per il mondo palermitano ma ahimè, come in quasi tutte le strade che si è deciso di percorrere nella vita, specie se sono vere, si giunge a diramazioni, ostacoli, incidenti di percorso. E noi siamo giunte ad un bivio, si perchè il blog era partito a due mani. Poi, pur non avendo cessato di esistere ha cambiato immagine, si è vestito di nuovo e di me. Ha cambiato nome e abito. Mi ha rappresentato virtualmente, ha contenuto le mie favole, i miei sfoghi, i miei stati d’animo. Li ha contenuti tutti, senza vergogna. Eppure per come sono fatta mi sono sentita in colpa pure per il blog, perchè non riesco a stargli più dietro. Non riesco a scrivere il mio diario virtuale con la stessa frequenza con cui riuscivo prima, anzi non lo riesco proprio a scrivere e questo non mi piace perchè le cose “o le faccio bene o non le faccio”. Si, ragazzi, col tempo sono arrivata ad essere così rompiballe. Non credo ci sia altra maniera di definirmi. E così ecco le conclusioni cui sono giunta. Sospendere il blog. Non chiuderlo ma sospenderlo. Sono certa che un pò di riflessione fuori porta mi farà bene anche perchè, ancora una volta il mio neurone impazzito ha cominciato a girare e questa volta mi auguro sia la strada corretta perchè onestamente sono stanca di bivi, diramazioni o interruzioni di percorso!! Auguratemi tanta fortuna (ne avrò bisogno) e ancora una volta ARRIVEDERCI, a PRESTO… e GRAZIE di vero cuore… A tutti.

Annunci

Arrivederci a Tutti!!

 

 

433015451_640

 

arrivederci_la-favorita_compresso1

arrivederci

Arrivederci-21