• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Illegittimi non carborundum

scimmia“Non lasciare che il bastardi ti mettano sotto”.
Più facile a dirsi che a farsi.

Come comportarsi? Continuare a portare avanti le nostre ragioni malgrado gli sforzi siano decisamente superiori ai risultati o è meglio abbandonare il gioco e cercare di dimenticare?

Io sono solita non mollare ma scendo in guerra solo con chi ritengo veramente valido e sono circondata da tante persone superficiali con le quali non vale la pena mettersi a “tu per tu”.
Non esiste lo scambio di opinioni, il santo e meraviglioso confronto…

Così cambio aria, me ne vado.
Non perchè sia la soluzione più semplice, ma per il fatto che, mi sono accorta, (ripeto) non ha senso sprecare fiato inutilmente.

Tutti noi facciamo i conti giornalmente con soprusi, violenze sia psicologiche che verbali. Un fattore che ha sempre influito pesantemente è il comportamento di chi, per me, è “importante”.

Se le persone che amo/stimo e che dicono di amarmi (o che effettivamente mi amano, ma a modo loro) non mi supportano, automaticamente sparisce quella sicurezza che è fondamentale per la riuscita di qualunque proposito. La (mia) perenne “autostima sotto i piedi”.

Ma alla fine dei conti cosa ci rimane allora? La voglia di fare, di conoscere, di imparare, di Vivere.
Ogni giorno può accadere di tutto e potrebbe iniziare un nuovo fantastico capitolo, anche ciò che di negativo accade, grazie ai bastardi di cui sopra, si può trasformare (forza di volontà e quel che basta di menefreghismo!) in un espediente giusto e non necessariamente in una sconfitta.

Anno 2013 iniziato ALLA FACCIA dei Bastardi!!

Auguri!!!!

Annunci

“sono un ragazzo sincero”