• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Pattilupicciolo

Ricordo ancora le mie estati da bambina, estati gialle, con le toppe irregolari di verde delle vigne. Qualche volta il verde era meno intenso, più sfumato per via delle chiome imponenti di certi grandi ulivi. Le coste alcamesi erano un tripudio di buganvillea o di belle di notte, cresciute spontaneamente nella terra mista a sabbia. L’inconfondibile odore di zagara, di calendula e di limonio completava un paesaggio che ancora oggi, a distanza di tanti anni, rimane fortemente impresso nella mia mente. Se solo provassi ad appoggiare un foglio sulla fronte mi risulterebbe facile anche ricalcarlo.

I colori erano stesi a casaccio sulla tavolozza del paesaggio; le molteplici tonalità del verde della campagna si fondevano con il giallo intenso dei grappoli sulle vigne e con il rosato del cielo al tramonto dopo una lunga giornata di vendemmia.

Ricordo le galline, le vacche, magre e immobili sulle stoppie vicino la fermata del treno, le canne sibilanti al minimo soffio di vento. Quando ero piccola non avrei mai immaginato che la terra potesse cambiare.

Oggi non sento l’odore di stalla, il raglio disperato dell’asino o il grugnire soddisfatto del maiale. Pure gli ulivi, per quanto maestosi, hanno assunto un’altra forma e le pecore sembrano tutte uguali, come fossero clonate.

I colori, oggi, sono ben allineati, ordinati, messi in righe dritte dritte.

Eppure esiste ancora, in un piccolo angolo di mondo, un luogo dove i colori si fondono, dove il verde della vigna si sfuma con le tonalità della terra, dove, quasi una magia, se piove lo riesci ad avvertire prima di tutto grazie al tuo naso: si chiama Patti Piccolo o Pattilupicciolo come veniva pronunziato dalla voce del nonno. Un territorio che poco ha conosciuto la mano dell’uomo, o forse quella mano, la mano del nonno, è stata una mano rispettosa nei confronti di una terra che da generazioni accompagna la vita della mia famiglia. Un ecosistema unico, quello delle colline alcamesi, in grado di mettere al mondo vini sani che nascono dall’amore per il territorio, dalla profonda conoscenza per le vigne coltivate con il metodo dell’agricoltura biologica. Il paesaggio è sempre lo stesso, gli stessi profumi e sapori, gli alberi sono solo più grandi, le vigne un po’ pìù mature.

Il periodo della vendemmia non è propriamente una festa quanto piuttosto un’attività faticosa che richiede esperienza anche nella scelta del momento più giusto per procedere al taglio del grappolo. Ed è in quel momento che l’uva termina la propria vita di frutto e rinasce immediatamente perché inizia il cammino dell’acino per trasformarsi in vino. Bello. Rassicurante. Suggestivo.

I buoni vini si fanno nella vigna. Questo concetto è valido per tutti i vini ma lo è di più per la coltivazione biologica della vite. Così facendo, infatti, si restituisce il vino alla natura, lasciando che sia l’uva, entro certi limiti, a fare il proprio corso. Una viticultura in simbiosi con l’ambiente è l’unica in grado di offrire ai consumatori la massima espressione del territorio e ancora oggi in grado di sorprendere e di trasmettere emozioni. Una rivoluzione, quella biologica, che mira a ristabilire un rapporto originario e quasi selvaggio tra la vigna, il territorio e la tradizione.

Il tutto per permettere al vino di rappresentare – pregi e difetti – soltanto quello che è: l’espressione più nobile di un territorio unico e a suo modo irripetibile.

Ritrovare in un bicchiere un paesaggio, magari proprio quello della tua infanzia, con le toppe irregolari di verde delle vigne, chiudere gli occhi e riscoprire gli odori di zagara, calendula e limonio…No, non è cosa di tutti i giorni.

Annunci

dedicata a Rino

Gatteria

“A vederlo nel giardino, circondato da quel serpeggio di gatti d’ogni

pelame, si comprendeva che strane cose dovesse fantasticare quel solitario

e sembrava di leggergli in faccia il desiderio di trascorrere anche lui per i

tetti e per i giardini con le zampe silenziose, a godersi, meravigliato, quel

che accade in questo mondo, con l’estraneita’ di un ospite

incomunicabile”.

ah ah ah

601251_450258511706200_1802899625_n

Emma e la nonna…

IMG_2189

27 gennaio 2013

buon-compleanno-festa

 

TANTI AUGURI EMMOLICCHIA!!! 2 anni di tutto rispett0 ♥♥♥

…e mio libero sfogo

Come si può rimanere impassibili alla notizia che hanno dato questa mattina tutti i media? Una notizia che fa accapponare la pelle,  a pochi giorni tra l’altro dalla data fatidica del 27 gennaio, ancora oggi, persone pensano possano essere valide teorie antisemite? Come si può?? La tristezza e lo sdegno che la storia non riesca a trasmettere nulla.