• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Nel cielo c’è una nuova stellina

Nel cielo c’è una nuova stellina.

Mi sono sempre ritenuta una bambina fortunata, una delle poche (almeno della mia generazione) che poteva vantare un ventaglio di 6 nonni, due paterni, due materni, la bisnonna e la nonna Modesta (la mamma del compagno di mia mamma.

Oggi sono rimasta sola, anche l’ultima nonna, quella della quale porto il nome è volata via. Se ne andata, forse improvvisamente, forse annunciandocelo pian piano. Eravamo abituati alla sua malattia, al suo esserci a giorni alterni.

Eppure il dolore è immenso. Non era la classica nonnina col sorriso stampato sulla faccia, per nulla. Era la nonna triste delle mie favole, quella che si inventava storie e ci ricamava sopra l’inverosimile. Era la mamma di mio papà.

Era la nonna che ti viziava, che cercava di farsi preferire alla mamma comprandoti l’intero negozio di giocattoli. Era la nonna che sapeva cucinare meglio di qualunque altra persona al mondo.

Era mia nonna.

Nonostante il suo essere, nonostante i mille difetti che poteva avere, era la persona che apriva le porte di casa sua a chiunque, una MILLE volte avanti la sua generazione, Una che litigava con i preti per le domande sconce che riceveva, una che mi diceva NON STUDIARE così tanto, ESCI pensa a divertirti.

Era mia nonna.

Era una casa calda e accogliente dove poter trovare riparo, era tu scendi dalle stelle in giro per casa, era il pranzo della domenica. Era lei che da bambina mi andava a comprare i vestiti e da grande mi consigliava su cosa acquistare, era lei che sentiva freddo anche ad Alcamo marina e teneva la casa completamente chiusa.

Lei che rimarrà sempre nel mio cuore. Ti voglio bene nonna.

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue. (Montale)