• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Lo straordinario viaggio di Edward Tulane

Edward Tulane è antipatico.
Pensa solo a sé stesso, ai propri eleganti vestiti e all’orologio d’oro che porta nel taschino del panciotto.
Ha un’ altissima opinione di sé e non si preoccupa degli altri.
Edward Tulane è un coniglio di porcellana “alto una novantina di centimetri dalla punta delle orecchie a quella delle zampe e aveva occhi dipinti di un azzurro acuto e penetrante” (pag.10) Vive nell’accogliente casa di Egypt Street con la sua “padroncina” Abilene Tulane, ma non la considera certo tale, anzi, si può dire che non la consideri proprio.
Edward assiste a tutto con il massimo distacco, salvo impermalirsi se qualcuno gli manca di rispetto, come Rosie, il bulldog dei vicini che è riuscito ad azzannarlo, o come la sventata cameriera che osa “aspirapolverarlo”.Solo di una persona Edward ha soggezione: Pellegrina, la nonna di Abilane, il cui gelido sguardo lo mette a disagio.
È stata proprio Pellegrina a donare Edward ad Abilane e sa benissimo che sotto la raffinata veste, nel duro corpo di porcellana pregiata, il cuore del coniglio è chiuso a doppia mandata, come un geloso scrigno.

Ma la sorte ha in serbo brutte sorprese per l’elegante Edward dal cuore di ghiaccio.
Durante la traversata  che Abilane compie con i genitori verso Londra sulla Queen Mary, Edward finisce in mare per colpa di Amos e Martin, due pestiferi ragazzini che glielo hanno sottratto.
Infine il coniglio di porcellana toccò il fondo dell’oceano, e mentre se ne stava là, con la faccia nella melma, provò la sua prima, genuina emozione, Edward Tulane ebbe paura.” (pag.50)

Cominciano così le disgrazie ei  problemi del raffinato coniglio di porcellana, che viene fortunosamente ripescato dall’oceano solo per passare di mano in mano a persone sconosciute.
Sono esperienze dolorose per l’incertezza, la frustrazione, la paura, ma soprattutto per l’amore che Edward comincia a scoprire in alcune persone e dentro di sé.
Sembra però che la mala sorte si accanisca contro di lui e lo strappi di volta in volta dalle braccia di chi abbia provato a dargli e a chiedergli un po’ d’amore.

Annunci