arrivederci a quanto prima!

A causa di febbre, noia, svogliatezza, spossatezza, stanchezza, sonno e deliri febbrili vari il blog non verrà da me aggiornato finchè la mia temperatura corporea non ritorni ai normali 36 gradi centigradi. Grazie dell’attenzione e scusandomi per qualsiasi parola detta con poca riflessione saluto tutti e spero in una mia pronta guarigione.

cambiamo musica??

proverbio siciliano

Megliu diri chi sacciu ca chi sapìa

Meglio dire non so piuttosto che non sapevo

Tanti Auguri Emma

Tanti Auguri Emma!!

Il giorno della memoria

Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando la sera il cibo caldo e i visi amici. Considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce la pace che lotta per mezzo pane che muore per un si e per un no, meditate che questo è stato, vi comando queste parole, scolpitele nel vostro cuore, stando in casa andando per via, coricandovi alzandovi, ripetetele ai vostri figli, o vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, i vostri cari torcano il viso da voi. Primo Levi

27 gennaio 2012

« La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.»

Hikmet

Finch’è ancora tempo, mio amore
e prima che bruci Parigi
finch’è ancora tempo, mio amore
finch’è il mio cuore è sul suo ramo
in questa notte di maggio sul lungosenna
sotto i salici, mia rosa, con te
sotto i salici piangenti molli di pioggia
ti direi due parole le più ripetute a Parigi
le più ripetute, le più sincere
scoppierei di felicità
fischietterei una canzone
e crederemmo negli uomini.
(N. Hikmet)