• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

la fata E. Bennato

E forse è per vendetta
e forse è per paura
o solo per pazzia
ma da sempre
tu sei quella che paga di più
se vuoi volare ti tirano giù
e se comincia la caccia alla streghe
la strega sei tu

E insegui sogni da bambina
e chiedi amore e sei sincera
non fai magie, ne trucchi, ma
nessuno ormai ci crederà

Annunci

l’amico è

E’ l’amico e’
una persona schietta come te
che non fa prediche
e non ti giudica
fra lui e te divisa
due la stessa anima
pero’ lui sa
l’amico sa
il gusto amaro della verita’
ma sa nasconderla
e per difenderti
un vero amico anche bugiardo e’
L’amico e’
qualcosa che piu’ ce n’e’ meglio e’
e’ un silenzio
che puo’ diventare musica
da cantare insieme io con te
E’ un coro e’
un grido che piu’ si e’ meglio e’
e il mio amore nel tuo amore e’
E’ l’amico e’
il piu’ deciso della compagnia
e ti convincera’ a non arrenderti
anche le volte
che rincorri l’impossibile
perche’ lui ha
l’amico ha
il saper vivere che manca a te 
ti spinge a correre
ti lascia vincere
perche’ un amico punto e basta e’
L’amico e’
qualcosa che piu’ ce n’e’ meglio e’
e’ un silenzio
che puo’ diventare musica
da cantare insiemeio con te
E’ un coro e’
un grido che piu’ si e’ meglio e’
e il mio amore nel tuo amore e’
E’ l’amico e’
uno che ha molta gelosia di te
per ogni tua pazzia
ne fa una malattia
tanto che a volte ti vien voglia
di mandarlo via
pero’ lui no
l’amico no
per niente al mondo io lo perdero
litigheremo si
e lo sa lui perche’
eppure il mio migliore amico e’
L’amico e’
qualcosa che piu’ ce n’e’ meglio e’
e’ un silenzio
che puo’ diventare musica
da cantare in coro io con te
E’ un coro e’
un grido che piu’ si e’ meglio e’
e il mio amore nel tuo amore e’
e il mio amore nel tuo amore e’

Siamo sempre lì…

Non ci accontentiamo mai del presente. Anticipiamo il futuro perché tarda a venire, come per affrettarne il corso, o richiamiamo il passato per fermarlo, come fosse troppo veloce, così, imprudentemente, ci perdiamo in tempi che non ci appartengono, e non pensiamo al solo che è nostro, e siamo tanto vani da occuparci di quelli che non sono nulla, fuggendo senza riflettere il solo che esiste. Blaise Pascal

sogna ragazzo sogna

E ti diranno parole rosse come il sangue, 
nere come la notte;
ma non è vero, ragazzo,
che la ragione sta sempre col più forte
io conosco poeti
che spostano i fiumi con il pensiero,
e naviganti infiniti
che sanno parlare con il cielo.
Chiudi gli occhi, ragazzo,
e credi solo a quel che vedi dentro
stringi i pugni, ragazzo,
non lasciargliela vinta neanche un momento
copri l’amore, ragazzo, 
ma non nasconderlo sotto il mantello 
a volte passa qualcuno, 
a volte c’è qualcuno che deve vederlo. 

Bentornati!

“ma sarà la prima che incontri per strada
che tu coprirai d’oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo”.

Cari amici, avete trascorso bene le vostre vacanze? Che avete fatto di bello? Delle mie vi racconterò senz’altro nei prossimi post. Qualche giorno fa una canzone mi ha scatenato una serie di pensieri che voglio, come sempre, condividere con voi. Sono partita di prima mattina, ormai abituata a svegliarmi non più tardi delle otto anche in vacanza, per tornare nella città natia: l’autostrada era vuota e il cielo era limpido, la mattina stava dando inizio ad una consueta giornata di caldo torrido, tipica siciliana. Così, partita da sola con i miei pensieri e la musica nelle orecchie rimango colpita da una canzone di Fabrizio De Andrè. E’ uno dei brani più belli e profondi che io conosca, spero la conosciate, sin intitola La canzone dell’amore perduto (la casualità di certi eventi è meravigliosamente sorprendente! Andavo via da un posto in cui la cantavo sempre e nell’ipod ho circa mille brani…) Insomma, questa canzone racconta in poche e intense parole la fine di un amore. Un amore in cui la passione (quella che “strappa i capelli” per citare il maestro) cede il passo alla tenerezza. L’intimità è un bene prezioso che si costruisce giorno dopo giorno con il compagno/a della nostra vita, ma alla fine non ci basta più, perchè la voglia di passione, di emozioni forti torna prepotentemente a bussare nella nostra vita. Anche a me è capitato di voler accantonare quel bene profondo per vivere una passione più intensa ma alla fine non sono stata mai pienamente appagata. E ancora non ho risolto il problema. Qualcuno di voi vivrà un vero grande amore, duraturo e ancora tanto vivo. Se lo tenga stretto perchè è un dono prezioso. Io sono sempre più convinta che la passione passi e l’intimità resti. Forse farcela bastare è la vera saggezza!

Il mio giorno migliore

Il mio giorno migliore è svegliarmi di buonumore iniziando da un cappuccino.
Il mio giorno migliore è sorprendermi del sorriso inatteso di uno sconosciuto.
Il mio giorno migliore è voltarmi indietro e guardare il passato con meno dolore.
Il mio giorno migliore è sentire un pizzico di felicità nella voce di un amico.
Il mio giorno migliore è nel saper vedere il bello delle piccole cose.
Il mio giorno migliore è nel percepire l’abbraccio degli affetti vicini e lontani.
Il mio giorno migliore è nell’avere il piacere di arginare le lacrime di chi si sente solo.
Il mio giorno migliore è in un cielo sereno, un raggio di sole, in un mare calmo e in una notte stellata.
Il mio giorno migliore è nel sentirmi fortunata…perché nei continui rovesci, negli ostacoli e nelle delusioni ho trovato il vero senso della vita… Esserci!!!


Riderà

Perché tu, io lo so,
sei migliore di me.
Perché tu le darai
tutto quello che hai.
Perché, finché vivrai,
amerai solo lei,
non farò niente per
riportarla da me.

Riderà, riderà, riderà,
tu falla ridere perché,
riderà, riderà, riderà,
ha pianto troppo insieme a me.

Anche se soffrirò
più di quello che so.
Anche se già lo so
che io mi pentirò.
Anche se lei per me
lascerebbe anche te,
non farò niente per
riportarla da me.

Riderà, riderà, riderà,
tu falla ridere perché,
riderà, riderà, riderà,
ha pianto troppo insieme a me.
Riderà, riderà, riderà,
Ma se tu l’amerai
un po’ meno di me.
Ma se tu cambierai
e un altr’uomo sarai.
Ma se tu sciuperai
quel che ho fatto per lei,
giuro che tornerò
e la riprenderò.
Riderà, riderà, riderà,
tu falla ridere perché,
riderà, riderà, riderà,
ha pianto troppo insieme a me.