• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
    Lilia da Frusseda su MIMMO
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

riflessioni mattutine

Mi dispiace se spesso, anzi sempre, adopero il blog per sfogarmi, per scrivere a qualcuno che spero tanto non abbia mai smesso di leggermi, se spero sempre che anche i miei familiari ogni tanto cercassero di sapere come sto, provassero a capirmi senza considerarmi folle, ma anch’io mi sto uniformando, sto smettendo di credere ai sogni. Nella vita non si sceglie, non si sceglie proprio niente. E’ tutto il resto che sceglie te e tu devi adeguarti. Per il quieto vivere… Oppure l’unica scelta che hai è quella di sentirti te stessa fregandotene del mondo, circondandoti di quei pochi (forse nessuno) che la pensa come te. La tua scelta è rimanere o partire. Andare o restare. E cosa ti trattiene se non un mondo che non ti comprende? La paura di restar sola, veramente sola…Perdere tutti e soprattutto te, che sei entrato nella mia vita per un breve periodo. Agli inizi pensavo che il destino ci avesse unito per aiutarti a superare il tuo dolore ma adesso sono giunta alla conclusione che fosse esattamente l’opposto. Per ironia della sorte mi trovo quasi nella tua stessa situazione. Mentre scrivo combatto con il fantasma che ho amato e perduto, con fantasmi che ogni sera mi vengono a trovare. Adesso comprendo meglio le difficoltà che dovevi affrontare e mi rendo conto di quanto fosse duro per te. A volte il dolore è tanto forte e sebbene sia consapevole della situazione attuale una parte di me vorrebbe rimanere aggrappata a te per sempre. Amando un altro il mio ricordo di te potrebbe affievolirsi ma è proprio qui il paradosso: anche se mi manchi immensamente proprio grazie a te non temo il futuro (è quello che ho cercato di farti capire sabato in macchina). Dato che sei riuscito ad innamorarti di me mi hai dato speranza. Mi hai insegnato che per quanto sia grande il dolore, si può continuare a vivere. E a modo tuo mi hai indotto a credere che l’amore vero non può essere negato. In questo momento io non credo d’essere ancora pronta ma questa è una mia scelta. So con certezza che non ci perderemo mai, ci allontaneremo (forse) ma ci saremo sempre uno per l’altro. Ascoltando il mare sentirò la tua voce e contando le barchette all’orizzonte avrò ancora la sensazione di gioia che avevo con te. Questo non è un addio ma un ringraziamento. Grazie di essere venuto nella mia vita  di avermi dato gioia, grazie di avermi amata e di avermi accettata in cambio del mio amore. Grazie dei ricordi che custordirò per sempre nel mio cuore. Ma soprattutto grazie per avermi mostrato che verrà un tempo in cui infine sarò capace di lasciarti andare..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: