• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

teoria e pratica

Felicità e tristezza. Teoria e pratica. Due cose agli antipodi in entrambi i casi. Sono stanca. Veramente stanca. Faccio circa 600km a settimana, impegno il mio cervello quotidianamente per circa 12 ore al giorno. Ce la metto tutta e mi perdo in un bicchiere d’acqua. Errori stupidi, stupidissimi, mi fanno star male. Mi fanno sentire piccola e stupida. Non sono portata per nulla, sono inutile. Una laurea in lettere inutile. Pensieri vaganti inutili, fisico inutile. Per quanto mi sforzi sento di non essere all’altezza. Un congedo sarebbe ciò che ci vuole. Arrivederci a tutti e chi si è visto si è visto. Anche questa sera parole buttate al vento…

Annunci

Spesso

Spesso la gente non ha le emozioni chiare,

altro che le idee.

La storia siamo noi

La storia siamo noi, nessuno si senta offeso,
siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo.
La storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso.
La storia siamo noi, siamo noi queste onde nel mare,
questo rumore che rompe il silenzio,
questo silenzio così duro da masticare.
E poi ti dicono “Tutti sono uguali,
tutti rubano alla stessa maniera”.
Ma è solo un modo per convincerti a restare chiuso dentro casa quando viene la sera.
Però la storia non si ferma davvero davanti a un portone,
la storia entra dentro le stanze, le brucia,
la storia dà torto e dà ragione.
La storia siamo noi, siamo noi che scriviamo le lettere,
siamo noi che abbiamo tutto da vincere, tutto da perdere.
E poi la gente, (perchè è la gente che fa la storia)
quando si tratta di scegliere e di andare,
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti,
che sanno benissimo cosa fare.
Quelli che hanno letto milioni di libri
e quelli che non sanno nemmeno parlare,
ed è per questo che la storia dà i brividi,
perchè nessuno la può fermare.
La storia siamo noi, siamo noi padri e figli,
siamo noi, bella ciao, che partiamo.
La storia non ha nascondigli,
la storia non passa la mano.
La storia siamo noi, siamo noi questo piatto di grano.

La vita va avanti

Ieri sera uscita con le amiche, poi un messaggio di un amico prima di dormire che ha dato il via ad una serie di messaggini e soprattutto di pensieri. C’è ancora qualcuno che come me crede alle favole, che vuole vivere con la speranza di un mondo sereno e colorato… un amico con cui condividere emozioni e pensieri. Stati d’animo. Sotto un cielo stellato con il mare illuminato dalle lamapare, il mare siciliano che brilla anche di notte. Un gatto ciccione che ti accoglie al tuo rientro, foglie spostate dal vento, amici veri e amici falsi. Questa è la mia vita adesso. E devo dire non mi dispiace nemmeno un pò!

Vi diranno

Vi diranno che non siete abbastanza.

 Non fatevi ingannare, siete molto meglio

di quello che vi vogliono far credere.

Giovanni Paolo II