• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

La delusione è grande

Tutto. Poteva farmi tutto, ferirmi, urlarmi contro, calpestarmi ma non deludermi. Oggi la delusione è veramente grande, forse inizio a vedere lati di un carattere che non ho conosciuto veramente fino in fondo. Certo ognuno ha il proprio modo di fare e di pensare e se si vuol bene lo si deve accettare ma non si gioca con i sentimenti. Poteva farmi tutto, bastava solo che parlava chiaro. Invece non ha parlato proprio. Le sue azioni hanno parlato al posto suo. E per una persona che mi ha sempre detto che le azioni valgono oltre mille parole la delusione è ancora più grande. Sfogo. Non improvviso. Sfogo. Ma non piango più, non ne vale la pena. Non ne ho più voglia. Io vado avanti. Io. Io cercherò di costruire il mio futuro e non so più, ed è tristissimo dirlo, non so più se tutti coloro che hanno fatto parte del passato avranno il biglietto d’entrata al futuro perchè la vita è mia. Mia, personalmente mia, fondamentalmente mia. Solo ed esclusivamente mia. Tutto ciò che ne farà parte sarà un contorno, un meraviglioso contorno con cui rendere il mondo più felice ma non per questo se il contorno non c’è il piatto piange. Non mi esprimo correttamente, lo so. Non riesco a farlo quando un fiume di parole invade la mia testa. Per questo continuo a chiamarlo sfogo: Tutto, poteva farmi tutto. Ma deludermi NO.

Annunci

Amore di sè

‎”Mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso. All’inizio lo chiamavo “sano egoismo”, ma oggi so che questo è AMORE DI SE’”

(Charlie Chaplin)