• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

La medicina la prende il vicino

Un paziente andò all’ospedale perchè si sentiva poco bene. Il dottore gli fece delle domande particolareggiate, dopo di che disse: “Bene, ho capito i suoi sintomi. Lo sa cosa farò? Prescriverò un farmaco al suo vicino!”. E il paziente rispose: “Grazie mille, dottore, mi sento già molto meglio”.

Ecco un vecchio problema: Ognuno pensa di essere sempre nel giusto, di avere sempre ragione, ed è convinto che debbano essere gli altri a cambiare opinione, atteggiamento o comportamento. “Se il mio vicino prende la medicina” equivale a dire: “Se mio marito diventa più affettuoso ritroveremo l’armonia nel nostro matrimonio, se mia moglie smette di essere così suscettibile non si offenderà più per ogni mia osservazione, se il mio collega fosse più efficiente l’ufficio funzionerebbe meglio… Quanti “SE” ci son nel nostro vocabolario, quante volte usiamo quest’espressione durante le giornata, quante volte la pensiamo anche se non la pronunciamo! Ed è proprio questa piccola parola che condiziona la nostra vita. Se proprio non possiamo farne a meno proviamo ad usarla in un altro modo: “E  Se provassi a cambiare io?”

Annunci

amare

Amare e’ un maleficio come quelli delle fiabe, contro cui non si puo’ far niente finche’ l’incantesimo non sia passato…