• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

COL TEMPO IMPARERO’

Cosa posso dire dei tuoi occhi
Anche a mente li disegnerei
Nei ricordi miei lo sai non invecchi
La tua assenzanon mi lascia mai
Mia capacità di fare a pezzi tutto
Fare il vuoto intorno a me
Adesso che il momento si fa brutto
Perchè tempo non ce n’è

Col tempo imparerò
A non odiare il mondo
Col tempo capirò
Da cosa mi nascondo
E mi riscoprirò
Capace di perdonare chi
Si è preso il tempo mio
Si è preso le carezze
Di cui ho bisogno anch’io
Si è preso le incertezze
Ma forse ho perdonato già

Ma il rimpianto vero è per quel figlio
Che tu non hai voluto avere mai
Seduta aspetterei ogni suo risveglio
E qualche tua espressione gli ruberei
Adesso che la notte scende dietro al monte
Nonostante la miopia
Io scopro già nuove rughe sulla mia fronte
E ne capisco la magia

Col tempo tornerò
Ad aprire le finestre
Per respirare ancora
L’odore di ginestre
E se ci riuscirò
Allora forse nascerò
Nei gesti dei bambini
Del figlio che non ho
Col tempo fra le mani
Amandomi di più
Col tempo forse imparerò

Annunci

giornata Si!

E’ proprio vero che la felicità va e viene e non sei tu a governarla…certo però che è strano. Eppure oggi che non ho fatto nulla in particolare, forse una buona azione che però non vi racconterò, insomma è bastata solo quella per trasformare una giornata così cosà in una giornata assolutamente Si! Bella la vita, belli i cambiamenti. Accettiamoli! Baci a tutti e buona serata. Sara con l’acca

domanda da mille punti

Oggi è il 16 marzo, domani sarà festa nazionale. 150 anni della nostra bella Italia anche se chiedendo un pò in giro ad amici e parenti nessuno aveva la risposta esatta alla domanda: ma perchè proprio il 17 e non il 18? cosa è avvenuto di preciso? …un buon libro di storia è sempre utile, così, sfogliandolo un pò ecco come potrei rispondere alla mia domanda: La nazione italiana esisteva da molti secoli, lo Stato nazionale italiano fu proclamato invece soltanto il 17 marzo 1861, in sostituzione degli antichi Stati regionali. L’ultimo atto del processo di unificazione era stato compiuto da Garibaldi con la spedizione dei Mille, che aveva conquistato il regno borbonico col sostegno prima diplomatico e poi anche militare di Vittorio Emanuele II e di Cavour. La sua impresa costituiva però soltanto la prima tappa di un più lungo e faticoso percorso di costruzione di uno Stato nazionale italiano unito non solo dalla forza delle armi, ma da stretti legami politici, sociali ed economici. Il regno cessò di esistere nel 1946, quando la forma di stato fu mutata in repubblica, in seguito ad un referendum istituzionale. E dopo questa parentesi per non sentirmi esclusa da una festa che purtroppo non ritengo molto utile la fatidica domanda da mille punti: Voi come festeggerete? Io avrei dovuto riprendere la muta in mano ma qui è pensato bene di farci visita lo scirocco pertanto tutto ciò che riguarda le immersioni è stato annullato, ma si l’alternativa c’è sempre ed è una bella scampagnata!! …allora vado a preparare la torta… buona giornata e buona vacanza a tutti!

e non finisce mica il cielo

La gente pensa che la cosa peggiore sia perdere una persona a cui si vuole bene. Si sbaglia.

La cosa peggiore è perdere se stessi mentre si vuole troppo bene a qualcuno, dimenticarsi che anche noi siamo importanti.