• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

RiUtilizzate Tutto!

Perché buttare se si può riusare? Perché conformarsi quando si può osare? Perché preferire il già pronto al fai-da-te? Soprattutto: perché se la nostra casa dovrebbe soprattutto assomigliarci, spesso preferiamo – per pigrizia – vivere in una che somiglia invece a tutte le altre? Non tutti sono stati dotati di una generosa dose di creatività, ma con qualche consiglio e la guida giusta ognuno può dare quel tocco in più alla parete della sala o riportare in vita il vecchio cassettone della zia con grande soddisfazione (e risparmio, che non è poco). Sporcarsi le mani fa bene alla testa, al cuore, all’ambiente e pure al portafogli: e allora perché non iniziare proprio ora ? Io mi sto dando da fare!!!

Annunci

persone scomparse in Italia

Non è solo una questione di orchi… Dal 1974 ad oggi sono scomparse 24000 persone circa. Diconsi 24mila persone. Che fatta la media, calcolando che sono 36 anni, vuol dire all’incirca 1,82 scomparsi al giorno e mai più ritrovati. 9336 minorenni dei quali il 70% sono stranieri. Primo inciso: che giri ci sono come traffico di minorenni? 6500 stranieri vuol dire che entrano nel nostro paese e scompaiono? Dove vanno? Vengono usati o semplicemente spariscono perché vengono adottati da famiglie che non vogliono seguire gli iter burocratici? Speriamo sia così e che non si debba toccare il tasto del mercato di organi, prima preoccupazione che fa accapponare la pelle. La seconda la sappiamo. Anche perché non si parla di altro che di orchi. Questa parola proveniente dalle favole che sta ad indicare un mostro che mangia i bambini è usata spesso ed a volte a sproposito nell’informazione della cronaca nera, ormai diventata cronaca di costume, ahimè. Ma le persone scompaiono e non si ritrovano. Chissà quanti di loro lo hanno fatto volontariamente per cambiare vita, reiniziarne una nuova lontana dalle ristrettezze quotidiane, dai menage che non portano a nulla tranne che all’insoddisfazione. Quanti di costoro si son rifatti una famiglia lontano da casa, magari aperto un bar a Puerto Escondido, o ritirati sulle montagne a vivere da eremiti? E le migliaia di persone che sono in strada a vivere e sopravvivere di espedienti ed elemosina? Quanti sono costoro? Quante domande alle quali non si possono dare risposte certe, si affacciano alla mente. Mi preoccupano anche le risorse messe in campo per risolvere questi problemi. Si è visto da poco quanto tutte le battute a tappeto organizzate dalle forze volontarie, alla fine non portino a niente, neanche su un territorio limitato come quello che ha visto scomparire Yara. E le risorse tecnologiche? Pensate quanto sono costati i radar per vedere nel sottosuolo, ed i famosi cani molecolari che sentirebbero una molecola di qualsiasi cosa a chilometri di distanza neanche fossero falene alla ricerca di feromoni. E con tutto ciò non sono riusciti a trovare un cadavere in avanzato stato di putrefazione… Mi sa che quelle migliaia di persone scomparse stanno bene dove stanno. Speriamo stiano bene davvero. E che i bambini abbiano trovato una famiglia che li faccia vivere degnamente. Sono quasi 3 al giorno, calcolando gli stranieri, ma con le dovute proporzioni, arriviamo ad un bambino italiano scomparso al giorno? Incredibile, assurdo, ma anche se fosse uno a settimana, è pazzesco quanto si manipolino le cifre, le statistiche, senza dare una valenza assoluta all’oggetto in questione: la vita umana in generale e quella dei minorenni in particolare. Si dirà che ci sono nazioni dove si sta peggio, come in Africa o in America del sud, con i bambini che vivono per strada e finiscono nei peggiori dei modi. Ma questo ci tocca da lontano, in una società abituata ad “appassionarsi” a casi ben particolari, magari dai tratti sessuali taciuti o esibiti.  Nelle statistiche diffuse nella quinta relazione semestrale per le persone scomparse, risultano anche 789 cadaveri non ancora identificati. Questo nonostante tutti gli ausili tecnologici e biologici che siamo abituati a vedere nei vari serial televisivi. Fosse fantascienza? Le analisi del DNA andrebbero confrontate con campioni esistenti, come anche le tecniche di ricostruzione facciale tridimensionali computerizzate o addirittura quelle con gli ologrammi. Ma è probabile che tutto questo non esista ancora, e che tutto sia demandato a solerti specialisti in camice bianco che timbrano il cartellino ed il weekend hanno da fare con la famiglia. Quando vedo CSI penso a questi superspecialisti americani che praticamente vivono in avveniristici laboratori pieni di ultracostose apparecchiature, che risolvono casi enigmatici, e li confronto con la caserma dei carabinieri sotto casa che ha l’auto ferma per mancanza di benzina. Basterebbe il combustibile bruciato dalla Hammer di Horatio Caine (CSI Miami) quando fa parcheggio, per mandare avanti tutte le volanti di Palermo per una settimana…