• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
    Lilia da Frusseda su MIMMO
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

E invece non finisce mai…

Tutto sembrava perfetto, era come se una delle sue favole fosse riuscita ad evadere dalle pagine di inchiostro e si fosse trasformata per magia in quella che era la sua vita. Forse era realmente accaduto così. La più bella delle favole, una tenera storia d’amore tra due protagonisti tanto diversi ma tanto complementari, adesso la circondava. E l’amore era ciò che riusciva a tenerli legati nonostante le intemperie che la vita si porta dietro. Un amore vero, puro e profondo come pochi al mondo. Viveva così, spensierata tra le sue carte, i suoi colori, il suo mondo infantile e il suo amore. Nulla poteva ferirla, niente avrebbe potuto più farle del male, adesso era felice e protetta come sempre aveva desiderato. Non si rendeva conto che quella era la favola, la sua favola. La favola che aveva sempre sognato si stava impossessando di lei con cattiveria, oscurando alla sua vista la vita reale, non si rendeva conto infatti delle fatiche che il principe affrontava da solo. A nulla valse chiedere aiuto, le sue grida di disperazione non arrivavano alle orecchie annebbiate dall’idea dell’amore per sempre. La favola finì un mattino d’estate e agli occhi del principe rimaneva una piccola figura indifesa incapace di stargli vicino. E l’amore? Quello nemmeno le streghe più cattive dei peggiori racconti possono riuscire a portarlo via. Nemmeno il più perfido dei sortilegi riuscirebbe a vincere il vero amore. Rimaneva così… nel cuore dei due protagonisti, tanto grande da tenerli ancora legati ma al buio, oscurato dalle intemperie che la vita si porta dietro.

(…) perché l’amore avrà bene un confine,
qualcosa come una fine…

E invece non finisce mai,
si fa più piccolo che può
e ti sta dentro e cresce sai,
com’è possibile non so,
e più ne perdi e più ne hai
e più ne incontri e più ne dai
l’amore non finisce mai.

Quando guardo i tuoi occhi, mi sorprendo
che tu sia bella più di prima,
che mi facevi impazzire al solo ricordare la tua pelle
così talmente oscena.
Come potevo immaginare allora
che eri il mio scandalo, la mia bambina
che avrei potuto amarti sempre più
nei giorni che la bellezza trema?

Perché pensavo ci sarà pure una fine
quando non ci sarà più spazio per tenerlo dentro,
un momento che l’amore si ferma, si volta
si addormenta contento,
un momento che l’amore non potrà, non saprà,
non ce la farà più ad aumentare,
che non avrà più niente da dare…

E invece non finisce mai
si fa più piccolo che può
e ti sta dentro e cresce sai
com’è possibile non so,
ma più ne perdi e più ne hai
e più ne incontri e più ne dai…

l’amore non finisce mai
si fa più piccolo che può
e non ti lascia in pace mai (…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: