un austero cielo grigio sopra tanta pioggia

Spesso facciamo associazioni di idee…spesso dalle associazioni di idee ci ritroviamo, grazie alla fantasia, in un mondo incantato e da li parte la favola. A me capita spesso. Di pensare, per fortuna. E di fare associazioni di idee, di ritrovarmi in un mondo incantato, il mio mondo pieno di colori e fantasia. C’è una cosa però molto importante, l’ho scoperta da poco e come tutte le scoperte almeno inizialmente godono di grande prestigio…Nel mio mondo prima ci entravo per sfuggire a quello reale, creavo uno scenario immaginario dove tutto era buono, bello, caldo, tranquillo, familiare. Bene signori e signore ecco la novità: ho capito i miei errori, ho capito i miei punti deboli e ho conosciuto i miei punti di forza. Adesso nel mondo fantastico ci entro quando voglio e non per sfuggire alla realtà ma per conoscerla meglio, per interpretarla. C’è una porticina dalla quale si accede al paese dell’immaginazione dove regna il sereno. E’ una porta piccina piccina dalla quale certe persone non passano più ma non certo perchè sono voluminosi bensì perchè hanno perso lo straordinario potere della fantasia. Non è un inno a Peter Pan ma è la verità, “Sono diventati grandi” e non ricordano più le meraviglie che avvolgono i bambini. Invano potrai scrivere per loro favole, avventure, fiabe. Non servirà a nulla. Il loro mondo è ciò che vedono fuori dalla finestra: un austero cielo grigio sopra tanta, tanta pioggia.

bellissime foto si trovano online…ed io ho conosciuto il soggetto! per davvero!!

Online si trova proprio di tutto. Quando ho visto questa foto mi sono commossa… Non so raccontarvi bene perchè ma so dirvi che io ho avuto la grande fortuna di conoscere quei luoghi, si proprio quelli ritratti in quest’immagine che sembrano luoghi lontani, sbiaditi di chissà quale memoria, ho avuto modo di conversare (per quanto riuscissi a comprendere il dialetto) con quella signora dallo sguardo assolutamente restio alla fotografia ma da una vivacità e vitalità da far invidia, quelle piante così cariche di colore d’estate, quello sgabello trono ospitale per qualche amico serale. Si, un pezzo importante della mia vita è stato dentro questa fotografia…solo un pò più a destra. Complimenti all’autore dello scatto.

cane e fango

Lasciate entrare il cane coperto di fango, si può lavare il cane e si può lavare il fango…Ma quelli che non amano nè il cane, nè il fango… Quelli no… Non si possono lavare…(J.Prevert)

come le mie foto…

MI SENTO COME QUESTA FOTO CHE HO SCATTATO QUALCHE MESE FA…

Ma… ho fantasia e posso anche volare, La fantasia lo sai ti fa volare…

Il Sipario

“La tenera fata della stupidità è discreta e s’adatta meravigliosamente al bene e al male, al sapere e all’ignoranza, all’uno e all’altra, a voi come per me… La ragione è in grado di mascherare il male che si cela perfidamente dietro la bella menzogna. Ma di fronte alla stupidità la ragione è impotente. Non ha nulla da smascherare. La stupidità non porta maschere. E’ innocente. Sincera. Nuda. E’ indefinibile”. (Milan Kundera – Il Sipario)

24.02.2011

l’umorismo…

 “Le persone dovrebbero prendersi meno sul serio […]. Se siete seri, siete bloccati. L’umorismo è la via più rapida per invertire questo processo. Se potete ridere di una cosa o del vostro stato, potete anche cambiarli.”