• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
    Lilia da Frusseda su MIMMO
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

due parole…

Parole lasciate al vento, scritte di pugno, scritte col cuore, parole parole, suoni e silenzi che cambiano il senso del mondo. Di parole è fatta la vita, di parole si nutre il nostro tempo e di parole ci lascia senza… quando esse non hanno più un senso. Parole e silenzi. Questa notte non ho chiuso occhio, ho pensato e per quanto la notte sia fatta di tante ore me ne servono ancora per pensare, per decidere, per sperare, per sapere. Così vi saluto, grazie a quanti costantemente e quotidianamente mi hanno seguito. Tornerò a scrivere, di questo ne sono certa. Non so quando, non so come. Penso alle favole, a quelle che mi piacciono tanto. Tornerò a versarle su queste pagine informatizzate. Ci sarà ancora una Principessa? Avrà finito di sbarazzare un castello impolverato? Sarà riuscita a sconfiggere il gigante Egoismo? Avrà trovato il signor Tempo al quale raccontare i suoi mali e sconfiggere così il mostro più grande chiamato Paura? Come vedete alle favole ci credo ancora, ci crederò sempre anche se nel 2010 non sempre finiscono con quel rituale che tanto ti faceva stare bene quand’eri piccola “e vissero felici e contenti”. Sapete come lo immaginavo io il felici e contenti? Crearono una famiglia. Non davo importanza se avessero vinto al superenalotto (cosa che oggi farebbe contenti un pò tutti) non mi importava se avessero vissuto in una catapecchia, i protagonisti delle favole avevano ricevuto la benedizione del “e vissero felici e contenti” quindi avevano costitutito ciò che di più bello si poteva avere una mamma e un papà insieme nella stessa casa. Forse non vi ho raccontato molto di me in questo blog e chissà che idea vi siete fatti. Adesso vado. Non era giusto non scambiare le ultime due parole prima del commiato. Non mancherò tanto, in realtà ne approfitto anche per il fatto che questa settimana non sarò a Palermo. Avrò più tempo per pensare e in base a degli esiti per capire. Davanti la salute credo si capiscano anche quali sono i punti fissi della tua vita, ciò che puoi tranquillamente lasciarti alle spalle e ciò che vorresti non si perdesse mai. Ma basta, avevo detto due parole. Vi saluto cari amici e non preoccupatevi per me, la mail la conoscete e qualunque informazione rimango a vostra disposizione. Con la speranza che il mondo delle favole venga nuovamente illuminato dal sole, che ciò che di più bello uno possa volere presto si avveri e la felicità come un vento piacevole passi sopra ogni abitante attualmente sopito nel sonno della paura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: