• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Per te, orsacchiotto…

Annunci

senza titolo

Buongiorno, eccomi ancora qui a riempire con i miei pensieri queste pagine. Non ho trovato un titolo a queste parole, scrivo quello che mi viene… Oggi è martedì, la settimana è iniziata ieri e in un solo giorno ho vissuto un pò di tristezza, un pò di comprensione, un pò di tenerezza. Che mi accadrà oggi? Questo pomeriggio devo andare a ritirare le analisi del sangue che ho fatto sabato, un pò mi spavento, si mi spavento ogni volta che devo andare a ritirare gli esiti… Immaginate come mi sentirò il 21 ottobre che sarò in ospedale per dei controlli… Fifa nera! Mi piacerebbe sapere da dove nasce la paura, cosa la fa scaturire, se si deve imparare ad accettarla o si può sconfiggerla. Voi avete paura di qualcosa? Certo il termine paura è l’apoteosi, l’estremo timore …e forse detto così non ho paura di nulla ma timori si, di quelli ne ho parecchi. Mi spavento dei luoghi troppo affollati, i concerti per esempio, anche se sono fatti in luoghi aperti. L’essere in mezzo ad una folla e non riuscire a vedere al di là di un palmo dal naso non mi piace proprio per niente. Soluzione? Andare ai concerti mettendosi in una posizione – possibile via di fuga, in un luogo più alto rispetto agli altri… Ancora, il timore di non essere compresa, di sapere ciò che provo ma non essere in grado di trasmetterlo e la paura di sbagliare a parlare, la paura di ottenere l’effetto opposto e creare un casotto: sapete come pensavo di risovere tale timore? Stando zitta. In tal modo non avrei creato nessun danno…Secondo voi è la soluzione giusta? credo proprio di no… ma qui c’è una storia MOLTO grande dietro e adesso non ho proprio voglia di raccontarla. La soluzione a tutti i timori? A piccoli passi! A piccoli passi arrivi comunque da qualche parte, ma di questo ne parleremo in un prossimo articolo! Buona giornata, a presto…

è danzare sotto la pioggia…

LA VITA NON SIGNIFICA…ASPETTARE CHE I TEMPORALI PASSINO… MA IMPARARE COME DANZARE SOTTO LA PIOGGIA”

 

brainstorming quotidiano

Il Brainstorming (letteralmente: tempesta cerebrale) è una tecnica di creatività di gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema. Sinteticamente consiste, dato un problema, nel proporre ciascuno liberamente soluzioni di ogni tipo (anche strampalate o con poco senso apparente) senza che nessuna di esse venga minimamente censurata. La critica ed eventuale selezione interverrà solo in un secondo tempo, quando la seduta di brainstorming è finita. Il risultato principale di una sessione di brainstorming, che apparentemente sembra un metodo sciocco e quasi infantile, è invece in genere molto produttivo: può consistere in una nuova e completa soluzione del problema, in una lista di idee per un approccio ad una soluzione successiva, o in una lista di idee che si trasformeranno nella stesura di un programma di lavoro per trovare in seguito una soluzione.

Brainstorming quotidiano: Un grande albero, le foglie iniziano a virare sul giallo, qualcuna la si trova già per terra. Il sole, una bella giornata, rugiada, una panchina e due persone. Un amore. Silenzio, improvvisa paura, nuvole, pioggia, un abbraccio. Calore. Unione, amore, sospiri, sorrisi, arcobaleno, colori tenui, goccioline, sereno… Il sole, una bella giornata, rugiada, una panchina e due persone. Un amore.

baciami ancora

Baciami ancora…
Baciami ancora…

Tutto il resto è un rumore lontano
una stella che esplode ai confini del cielo.

Baciami ancora…
Baciami ancora…

Voglio stare con te
inseguire con te
tutte le onde del nostro destino.