• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    matteo su Mobile bar in vendita
    mauri53 su Andando in giro per stori…
    Franco su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

Eccomi qui!

Qualche riflessione prima di augurarvi la buonanotte (o il buongiorno)… Per carità, nessuna filosofia o ragionamenti astrusi, qualche semplice frase che ho pensato durante questa giornata appena trascorsa e che riporto fedele nel mio diario virtuale. Ho avuto tempo per riflettere in questi ultimi giorni, mi sono resa conto che avere del tempo per riflettere è davvero qualcosa di importante. Ci si trova da soli a pensare al proprio cammino, a quello percorso e a quello da percorrere. Ti chiedi perché alle volte la stessa strada appare luminosa e pianeggiante e altre irta e piena di spine. Questa sera, tornando a casa con la mia macchinetta (ho fatto in tre giorni 400km!), sono rimasta affascinata da un meraviglioso tramonto, il sole che andava a dormire tra le acque profonde del mare. Nella solitudine del mio adorato mare ho trovato le risposte alle domande che mi solleticavano l’anima. Fare immersioni o anche soltanto camminare a piedi nudi sulla sabbia umida della battigia accompagnata dal rumore delle onde… queste piccole cose mi danno davvero tanta forza! Il mare mi ha insegnato a vedere il lato luminoso della vita, spronandomi a non mollare mai e ad affrontare a testa alta i momenti più difficili. Si può sempre far qualcosa per modificare la propria condizione, certo il cammino per alcuni è più impervio di quanto non lo sia per altri ma a questo pensa il dottor tempo. L’unica battaglia che si è destinati a perdere e quella che non si vuole combattere. Tuttò ciò che fa paura è l’ignoto ma chi può dire d’aver conosciuto qualcuno che non abbia mai avuto un problema? Che si tratta di denaro, di salute, di rapporti con la famiglia o di coppia: ci siamo passati tutti. Eppure, una volta che accettiamo la nostra condizione di esseri umani i problemi posssono trasformarsi in sfide stimolanti e opportunità per diventare più saggi. La penso così, magari sbaglio, sono solo riflessioni prima di andare a dormire, di stringere forte quell’orsacchiotto di pezza acquistato in una cittadina austriaca. Mi piacerebbe riuscire a sognare questa notte. Chissà magari ci riesco realmente! Il mio unico desiderio mentre scrivo queste righe è la serenità. Mia innanzi tutto e di un signor riccio a me tanto caro. E le mie ultime parole questa sera le dedico proprio a lui (che legge il blog quasi quotidianamente!): Stiamo affrontando separatamente insieme un momento difficile ma c’è qualcosa che mi spinge a credere che saremo più forti, che metteremo ko questo periodaccio. Vorrei provassi a crederlo anche tu e conserva la meraviglia del bambino che è in te. Non perdere mai quella luce speciale che ti illumina gli occhi e che proviene direttamente dall’anima. E se dovesse accadere combatti (da bravo big gim!) ogni giorno per riconquistarla. Forse per quanti bigliettini ho scritto non sono mai riuscita a dirti tutto quello che penso ma non c’è fretta, c’è ancora tanto tempo… Notte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: