• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Asilo in videocamera

Una serie di webcam in classe così da permettere ai genitori, mediante un accesso ‘protetto’, di potere vedere su Internet in diretta cosa accade nell’aula e ai propri figli. E’ l’obiettivo del progetto ‘Asilo sicuro’ che partirà in una classe di Ragusa gestita dalla cooperativa sociale Girotondo in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali della Provincia iblea. “Sarà il primo asilo del Ragusano – spiega l’assessore Piero Mandarà – a essere dotato di telecamere speciali, che consentiranno a tutte le famiglie di avere sotto controllo, continuamente, i loro bambini. Gli asili sono luoghi dove i bambini hanno il diritto a sentirsi protetti e accuditi nel migliore dei modi, garantendo alle famiglie la massima sicurezza”. Le telecamere saranno collegate a un videoregistratore con hard disk, ma le immagini saranno messe in rete on line e potranno essere viste soltanto da genitori dei piccoli alunni che potranno entrare nello speciale sito che sarà realizzato grazie a una password, che scadrà automaticamente appena il figlio lascerà l’asilo.

Annunci

4 Risposte

  1. Non è una novità quella della web/cam in asilo. Sono di Palermo e avevo già sentito l’esistenza di questo mezzo di controllo.

  2. Buonasera, sono di Palermo e desidero iscrivere mio figlio di quasi due anni ad uno di questi asili. Non riesco però a trovarli facilmente. Potrei avere qualche suggerimento? Grazie, Alfredo

    • Buongiorno Alfredo, Palermo è grande e dipende anche il quartiere dove lo cerchi. Mio nipote, ad esempio, ha frequentato Leader Baby e l’asilo offriva questo servizio ma chiedendo in giro sono divers ormai gli asili muniti di videocamera. Ancora non sono mamma e quindi non voglio espormi più di tanto (so che si cambia idea su diversi aspetti quando si passa dal ruolo di figlio a quello di genitori) ma non trovo quella della videocamera un’iniziativa intelligente. E’ assolutamente doveroso e corretto sapere cosa fa il proprio bimbo, tutelarlo e proteggerlo (e con i tempi che corrono un genitore dovrebbe avere i super-poteri) ma io ritengo più giusto informarsi sul metodo degli insegnanti, sulle loro capacità, sulle attività che fanno svolgere ai bambini, cercherei di allungare il “periodo di inserimento” (andrei all’asilo con mio figlio o nel caso non potessi mi farei aiutare dalla bambinaia, dalla nonna si da alleviare il momento del distacco). Ascolterei le opinioni di altre mamme, prenderei in considerazione un ventaglio di strutture e creerei una sorta di “lista di prefernza” (in base alla storia dell’edificio, la vicinanza a casa, la quota di iscrizione, il cibo che viene servito, le maestre che ci lavorano…) MA questo, ripeto, è solo il mio pensiero. Mi piacerebbe sapere il tuo punto di vista. Grazie e a presto, Sara con l’acca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: