• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Buon 2 maggio!

Cari amici, dopo la classica “arrostuta” di ieri immaginiamo sarete esausti.  Che programmi avete, oggi domenica 2 maggio? Noi de La mia Tata, visto lo splendido sole in cielo, abbiamo pensato di dedicare le nostre attenzioni alla nostra famiglia e a noi stesse, quindi, costumino alla mano, bimbo a bordo per una, cane al guinzaglio per l’altra, ci si dirige verso una possibile gita domenicale… Domani vi faremo come è andata! Un abbraccio Anna e Sarah La mia Tata ps. dato il caldo per il prossimo articolo vi suggeriamo una specialità dissetante siciliana!

Annunci

granita di gelsi neri

Granita di gelsi neri: gelsi neri 500g,  zucchero 150g, limone , acqua 250ml

Sciacquare i gelsi con dell’acqua. Metteteli nel passa pomodoro e spremeteli fino a quando non hanno rilasciato tutto il loro succo. In un pentolino preparate uno sciroppo con acqua e zucchero, fate raffreddare ed aggiungete al succo ricavato dai gelsi. Spremetevi un limone e versate il liquido in un contenitore da riporre nel freezer. Mescolate ogni ora con una forchetta, l’importante è che il composto non si congeli del tutto. Meglio preparare la granita il giorno prima proprio perché ha bisogno di un po’ di tempo per rapprendersi. poi se volete velocizzare l’operazione potete tranquillamente utilizzare la gelatiera.

greatest love song

 

E’ in commercio la compilation Disney’ Greatest Love Songs, un doppio cd contenente tutte le canzoni d’amore più belle e famose dei classici animati Disney. Un cd perfetto per chi si vuol bene…lo sapevate?

Hanry ti presento Sally

Harry: Ci ho pensato tanto… e il risultato è che ti amo. 

Sally: Cosa? 

Harry: Ti amo. 

Sally: E che cosa pensi che ti risponda adesso? 

Harry: Per esempio: anch’io ti amo. 

Sally: Preferisco: me ne vado. 

Harry: Allora non significa niente per te? 

Sally: Mi dispiace, Harry. Lo so che questa è la notte di capodanno, lo so che ti senti solo ma tu non puoi arrivare qui, dirmi che mi ami e aspettarti che questo risolva tutto. Le cose non funzionano in questo modo. 

Harry: Bè, e come funzionano? 

Sally: Non lo so! Ma non in questo modo… 

Harry: Allora proviamo così: ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi, ti amo quando ci metti un’ora a ordinare un sandwich, amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo, mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf e sono felice che tu sia l’ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo. E non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile! 

Sally: Ecco! Tanto sei il solito imbroglione! Dici cose del genere, e mi spieghi poi come faccio a odiarti io? 

E invece io ti odio! Ti odio. Sul serio… ti odio… 

E si baciano…