• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

coccinella fortunella

Cari Amici e amiche, oggi ben due novità! La prima, come avrete senz’altro notato, è il titolo del blog, una trasformazione da La mia Tata a “La mia Tata nella città Fa-Tata”… una ripetizione penserete voi, “una sfida” come la intendiamo noi! Una sfida in senso positivo del termine con noi stesse, pronte ad offrire un servizio che a breve sarà presente in tutto il territorio palermitano, la città fatata per l’appunto. Una città magica Palermo è sempre stata, ricca di colori, profumi e storia. Una città che quotidianamente deve smentire la sua nomea di città della povertà, dell’accogliere sempre in ritardo le novità, di delinquenza… E se pur fosse solo questo bisogna iniziare ad apportare qualcosa di positivo e di utile, di interessante. Non credete? E’ vero ci vuole anche fortuna e la Ccinella Fortunella speriamo ci aiuterà. Altra novità è che a breve ci troverete operative in via Emperocle Restivo numero 95, bè poi ci sarebbe anche una torta al cioccolato, ma questa è un’altra storia! Buona Giornata, Anna&Sarah La mia Tata

Annunci

Allattare, un gesto d’amore

Il latte materno rappresenta la miglior fonte di sostentamento a disposizione del neonato. Attraverso il latte della mamma, infatti, non solo il piccolo riceve tutti gli nutrimenti necessari per la sua crescita, ma anche gli anticorpi indispensabili per affrontare eventuali patologie che potrebbero subentrare durante l’infanzia (il caso delle allergie è il più eclatante). Purtroppo, però, nonostante le campagne informative e il martellamento cui vengono sottoposte le neomamme durante i primi giorni di vita del piccino, sono numerose le donne chepassano al biberon e, quindi, all’allattamento artificiale, dopo sole poche settimane dalla nascita. Innumerevoli i motivi che portano a questa scelta, per lo più legati a una cattiva informazione e apregiudizi che, purtroppo, ancora oggi persistono in materia di allattamento. Se durante la gravidanza alcuni alimenti devono, per la salute del nascituro, essere esclusi completamente dalla dieta della futura mamma, anche durante l’allattamento è bene porre moltaattenzione alla scelta dei cibi in quanto alcuni alimenti possono alterare il gusto del latte, rendendolo poco appetibile per il bambino che, di conseguenza, potrebbe arrivare a rifiutarlo. Non si tratta, ovviamente, di una legge. Molti neonati si adattano perfettamente alle variazioni di sapore del latte della mamma. Per altri, però, questa cosa potrebbe costituire un problema. Tra gli alimenti incriminati, le cipolle, l’aglio, i cavoli, gli asparagi, i peperoni, i carciofi, i cibi piccanti. Via libera, invece, a tè e caffè ma solo se consumati con moderazione (non più di uno al giorno). Alcuni cibi, invece, andrebbero esclusi o consumati moderatamente per evitare che possano far insorgere nel piccolo intolleranze allergie. Rientrano in questa categoria i crostacei, i molluschi, la frutta secca, la cioccolata, le fragole, la selvaggina, le fritture, gli alimenti conservati. In compenso, va aumentato il consumo di liquidi (almeno due litri al giorno divisi tra acqua, succhi di frutta, brodi vegetali?), frutta di stagione, latte, alimenti ricchi di fibre. Per ciò che concerne, invece, l’apporto calorico giornaliero, dal momento che l’allattamento comporta unnotevole dispendio energetico, questo dovrebbe essere incrementato di circa il 20%. Importante, poi, è che la dieta della mamma sia quanto più equilibrata e variegata possibile in modo tale da dare al bambinotutti i nutrimenti (vitamine, proteine, sali minerali) di cui ha bisogno per la sua crescita. Un buon allattamento prevede una situazione di assoluta tranquillità sia per la mamma che per il bambino. Stress e stanchezza, infatti, potrebbero essere negativi per la produzione di latte che addirittura, nei casi più difficili, potrebbe cessare completamente.È bene, quindi, che nei mesi in cui allatta la donna si abitui a uno stile di vita quanto più sano e regolare possibile, eventualmente, aumentando il numero diore di sonno (soprattutto al mattino). L’organismo della donna, infatti, in questo periodo è sottoposto a un continuo stress a cui si aggiunge, nei primi mesi, quello dovuto all’iniziale e inevitabile fatica data dal prendersi cura del piccolo (levatacce notturne, poche ore di sonno continuate, rivoluzione delle proprie abitudini e del proprio stile di vita…) . Quanto più la neomamma riuscirà a trovare il tempo per riposare, quanto maggiore (e migliore) sarà la quantità di latte prodotta. 

albero Falcone

L’albero Falcone di Palermo, dopo il furto delle foto e dei messaggi, torna a riempirsi nuovamente di messaggi di solidarieta’, manifesti, bandiere tricolori e piccole e grandi foto del giudice Giovanni Falcone. E’ un vero e proprio via vai di persone che si fermano davanti alla magnolia di via Notarbartolo per affiggere qualcosa all’albero dopo l’episodio vandalico denunciato dal portiere. Due vigili urbani stazionano stabilmente davanti all’albero Falcone per contrallare quanto accade. Decine le persone ferme per esprimere la propria solidarieta’ dopo l’accaduto. “Siamo noi la vera Palermo -dicono in tanti- quelli che hanno portato via le foto e i messaggi sono soltanto dei vigliacchi e basta”. Diversi manifesti campeggiano sulla struttura in vetro che si trova a due passi dall’albero Falcone con i volti sorridenti dei giudici Giovani Falcone e Paolo Borsellino