• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Parto in acqua

E dopo tanto parlare di vino ecco una notizia d’acqua! Da alcuni anni in diverse strutture ospedaliere è possibile effettuare il parto in acqua. La nuova sensibilità per le necessità della partoriente e del nascituro, hanno permesso di sviluppare questa metodologia che ha trovato origine dalle esperienze del medico russo Igor Tjarkowskij. Successivamente in Francia, grazie all’apporto del medico Michel Odent, il parto in acqua ha avuto la possibilità di trasformarsi da fenomeno “originale” a metodica scientifica. Anche in Italia la “tecnica” si sta capillarmente diffondendo grazie all’esperienza ed alle ricerche effettuate su migliaia di parti in questi ultimi dieci anni. Non è stato infatti riscontrato alcun effetto collaterale associato. Pertanto, sfatati i vecchi pregiudizi legati a fantomatici rischi igienici, il parto in acqua diventa una delle opportunità a disposizione della mamma e del nascituro e le strutture idonee a tale parto si stanno moltiplicando in tutta Italia anche se ancora oggi prevalgono nel centro-nord: il primato, infatti, spetta alla Brianza. Ricordiamo infine, che è possibile partorire in acqua anche al proprio domicilio. Alcune delle organizzazioni di ostetriche/ci per il parto in casa, assistono la nascita utilizzando la vasca da bagno o una piccola piscina in gomma.

Annunci

Vinitaly 2010

8-12 Aprile. Vinitaly 2010. Vinitaly è la manifestazione di riferimento dell’universo enologico nazionale ed internazionale. Numero uno al mondo per dimensioni, è andata assumendo nel tempo un rilievo sempre più importante anche a livello internazionale, aprendosi alle innovazioni e imponendosi all’attenzione degli operatori non solo come fiera commerciale, ma anche come vero e proprio “evento” imperdibile. Un ruolo costruito in 44 anni di attività, accompagnando lo sviluppo di un settore che è diventato il miglior ambasciatore del made in Italy nel mondo, il rappresentante d’eccellenza del sistema agroalimentare di qualità. 

Se litighi con un ubriaco, ricordati che offendi un assente (anonimo cinese)

In vino veritas

In vino veritas…chi lo ha detto? è una massima popolarissima, il cui significato, in diverse forme, è espresso da vari autori latini tra cui anche Plinio il Vecchio. Concetti simili si trovano nel ditirambo “Bacco in Toscana” di Francesco Redi e in proverbi di tutti i paesi. Citiamo a caso, da una canzone del conte di Segur: “Tous les mèchants sont bouveurs d’eau; c’est bien prouvè par le dèluge” -Tutti i cattivi sono bevitori d’acqua. Ne fa prova il diluvio.-