• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Pasqua e pasquetta son passati…

Pasqua e pasquetta son passati, niente stanchezza! Adesso si riparte… aspettando il primo maggio! Buona giornata a tutti, La mia Tata

Annunci

Bimbi di poche parole

Un’indagine della BBS rivela che un bambino su sei soffre di ritardo nel linguaggio. La notizia sembra giustificare l’ansia crescente di genitori europei per le prime parole del bebè, che stenterebbero ad arrivare rispetto ai decenni scorsi. Tra le possibili cause: la TV fin da piccolissimi, meno tempo dedicato alla lettura delle favole. Il bebè comprende le parole della mamma verso gli 8-10 mesi, pronunce le prime tra gli 11 e i 13 mentre tra i 12 e i 16 ha a disposizione un vocabolario di circa 50 termini. Intorno ai due anni il bimbo dovrebbe utilizzare almeno una trentina di parole. Altrimenti è consigliabile chiedere consiglio al logopedista.

io & papà

Meno apprensivi e protettivi delle mamme possono mettere in gioco doti tipicamente maschili come fisicità, manualità, grinta… Ai piccoli il papà sembra alto e forte, una figura rassicurante simile ad un grande albero dalle salde radici. Proprio questa fisicità fa sì che tocchi a lui il compito di accompagnare i figli alla scoperta di una motricità che sappia “osare” un po’. E stringendo forte la mano al papà che si fa quel “passettino oltre”, che ci si avventura alla scoperta del mondo senza paura, sapendo si poter contare su un rifugio sicuro. Insieme a lui (e con la complicità della mamma) si possono fare tantissime cose… e tu cosa fai col tuo papà?

Il vasino

Fischer Price La mia prima toilette ha tanti dettagli realistici che fanno sembrare questo vasino un vero wc: il portarotolo estraibile, la maniglia per lo scarico e un fantastico coperchio colorato e trasparente. Ha due modalità di utilizzo per seguire il bambino nelle fasi della sua crescita, il vasino per i più piccoli e il riduttore per il wc per i più grandi. Inoltre cinque simpatiche frasi e due canzoncine che premiano il bambino.