• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Auguri Anna!!

BUON COMPLEANNO ANNA!

…Un piccolo pensiero da La mia Tata (attualmente) trentina a La mia Tata palermitana d’adozione ma tutta siciliana! Un abbraccio che copra l’Italia intera! Tanti auguri a te..

Annunci

Un ciondolo per aiutare i bambini

Non sapete cosa mettere nell’uovo di pasqua della vostra amata? La Boite d’Or gioielli presenta un progetto di beneficenza in collaborazione con l’associazione SoS Villaggi dei Bambini, con sede a Milano. La Boite d’Or ha realizzato un ciondolo con la conchiglia madre della perla blu. Per ogni ciondolo saranno devoluti 40€ all’associazione e in particolare al Villaggio di Morosolo, in provincia di Varese, dove vengono accolti mamme in difficoltà con il proprio bambino per permettere loro di rimanere uniti e iniziare ad affrontare il problema dell’abbandono. Che ne pensate?

primo aprile duemiladieci

PESCE D’APRILE! Buoni scherzetti a tutti… La mia Tata

Penso quindi sono…magico!

Il modo di pensare infantile dura fino ai 12 anni circa (pensiero primario), poi piano piano si modifica e si arricchisce diventando pensiero adulto (pensiero secondario). Il bambino possiede il PENSIERO MAGICO, il pensiero senza continuità. Per esempio, vi siete mai domandati perchè un bambino piange quando la mamma si allontana? Perchè per lui la persona che va via E’ SPARITA. Quando la figura più importante della propria esistenza si allontana, il bambino è disperato perchè pensa che non tornerà più. Quando poi invece la vede comparire, per lui ogni volta è un vero e proprio schock. Fino a 3 anni nel pensiero del bambino non c’è CONTINUITA’, per esempio se la mamma sgrida il suo piccolo, passato quel momento per lui è finito; provate a pensare quando si sgrida un bambino piccolo e lui magari si mette a ridere: nella sua testa non essendoci continuità si sviluppa il seguente pensiero: “ora mi sgrida, ora non mi sta più sgridando”, esattamente come nella situazione il cui la mamma si allontana e nasce la paura dell’abbandono il suo pensiero sarà “ora c’è, ora non c’è più”. Il bambino inoltre fino ai 12 anni non è in grado di usare la LOGICA, per questo è si importante spiegare sempre il perchè delle scelte fatte, ma le spiegazioni devono essere sempre semplici e a misura di bambino. Se chiedo ad un bambino che ha una sorellina, “Pietro, tu hai una sorellina?”, lui risponderà si, ma se subito dopo gli chiederò “e Sara ha un fratellino?”, lui risponderà no perchè il bambino non è in grado di fare associazioni. Quindi se dobbiamo lavare le manine per andare a tavola, non sarà necessario spiegare che le mani si lavano perchè ci sono germi e batteri che potrebbero essere nocivi e così via, semplicemente dovremo spiegare che dobbiamo lavare le mani perchè sono sporche.

Iniziano le vacanze!

 

Oggi hanno inizio le “vacanze pasquali”… bimbi siete contenti??