• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

15.03.2010

Annunci

Bimbo e TV

Lasciare per troppe ore consecutive i bambini davanti alla televisione nuoce, oltre che alla loro psiche e capacità relazionale, anche alla loro salute. E non è solo la vista a esserne compromessa.
La struttura cerebrale dei piccoli, infatti, è costituita da duecento miliardi di neuroni che agiscono tra loro per comprendere e assorbire i fatti della vita quotidiana. Nei primi anni di vita le vie nervose si creano plasmando quella che sarà la struttura cerebrale definitiva dell’adulto; dopo i dieci anni tutte le cellule non utilizzate muoiono per non ricrearsi più. È indispensabile, quindi, che le prime esperienze di vita siano significative e vedano il bambino protagonista e non semplice spettatore. La televisione inibisce, in un certo senso, la capacità del piccolo di crearsi complessi schemi di ragionamento, non consentendogli di vivere in prima persona quanto messo personalmete in scena. Nonostante questo, però, è chiaramente impossibile proibirne la visione completamente. Anzi, talvolta proprio la televisione permette al bambino di entrare in contatto con un mondo altro, un mondo fantastico che può, se guidato correttamente da un adulto, stimolare la fantasia e accrescere le doti immaginative del piccolo. È necessario, però, stabilire delle regole ben precise per fare in modo che la TV non diventi un rifugio, una mamma, un compagno che esclude qualsiasi altro affetto e qualsiasi altra ricerca di una propria identità.

Premio Hans Chistian Andersen

Il premio Hans Christian Adersen – Baia delle Favole per fiabe inedite si svolge a Sestri Levante dal 1967. E’ un riconoscimento importante ed ambito non solo in Italia, ma anche a livello internazionale. In passato, il Premio Andersen ha visto protagonisti e giurati del calibro di Italo Calvino, Alberto Moravia, Sergio Zavoli, Peppino De Filippo, Mario Soldati, Emanuele Luzzati.
 Il concorso è dedicato alle fiabe inedite, suddivise in quattro categorie, differenziate per l’età degli autori: Scuola Materna (da 3 a 5 anni, in gruppo), Bambini (da 6 a 10 anni), Ragazzi (da 11 a 16 anni) e Adulti (oltre i 16 anni). Il Premio è aperto anche ad autori stranieri, che possono partecipare con fiabe in lingua inglese, francese, tedesca e spagnola.
Negli ultimi anni il Premio dedicato all’autore danese si è caratterizzato per una sempre maggiore internazionalizzazione ed ha stabilito collaborazioni con altre manifestazioni dedicate alla letteratura per l’infanzia e con importanti organizzazioni a livello nazionale ed internazionale, tra cui recentemente l’Osservatorio del Mediterraneo.

Per maggiori info: http://www.andesernpremio.it

Altolà bambino mio!

 

Altolà bambino mio, perché rosso sono io, quando giallo mi vedrai, per un po’ ti fermerai, quando verde io sarò poi passar ti lascerò…

Chi sono?

Al via le targhe alterne a Palermo

Duecentodieci vigili per il debutto del nuovo provvedimento antismog: targhe alterne dalla circonvallazione al mare dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20. Oggi è entrata in vigore l´ordinanza che riguarderà le macchine Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 (queste ultime immatricolate tra il 2001 e il 2005): si comincia con il via libera alle auto dispari. Dal provvedimento restano escluse tutte le strade a monte della circonvallazione, ma anche le borgate di Mondello e Sferracavallo. Saranno libere pure le vie d´accesso ai principali parcheggi cittadini, nel tentativo di riuscire a incentivarne l´utilizzo: Giotto, Francia e Belgio ma anche Emiri e Basile. I controlli saranno affidati ai solo vigili: le dieci telecamere non sono ancora entrare in funzione. Gli agenti, 105 di mattina e 105 di pomeriggio, dovranno fermare le macchine per sanzionarle: la contravvenzione è di 78 euro.