• ❤ Sarah ❤

  • “Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. Per non ferirli”. Janusz Korczack
  • Articoli Recenti

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione delle autrici e comunque non sistematicamente. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Molte immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi che si provvederà alla loro pronta rimozione. Grazie
  • Tag

  • Categorie

  • Post più letti

  • Commenti recenti

    Sara con l'acca su Mobile bar in vendita
    Carlo su Mobile bar in vendita
    matteo su Mobile bar in vendita
  • «Limitarsi a vivere non è abbastanza. C’è bisogno anche del sole, della libertà e di un piccolo fiore.» (Hans Christian Andersen)
  • L'uomo ha bisogno delle favole. Il fascino dei racconti fantastici che lo seduce in millenni, ha il potere di riportarlo alla normalità.... camminando a braccetto con Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco, può ritrovare l'identità' perduta e capire meglio la realtà della vita" R. Battaglia
  • Senza la fantasia, senza la capacità di sognare, senza la poesia, siamo solo degli uomini. Con la fantasia e la poesia possiamo invece volare o perlomeno sollevarci da terra quel tanto che basta per sentirci qualcosa di più.

  • Noi non vediamo il mondo come è, vediamo il mondo come noi siamo. Talmud ebraico
  • Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. A. Baricco
  • I bambini hanno bisogno di raccontare favole quando qualcosa risulta troppo difficile da accettare. Francoise Dolto

  • Annunci

Alfabetizzazione motoria nella scuola primaria

L’Italia viene considerata il fanalino di coda in Europa, per quanto concerne le ore di attività motoria dell’intero ciclo scolastico. E’ al primo posto la Francia seguita dalla Svizzera, dall’Inghilterra e dalla Germania. Per far fronte a questo grave ritardo, si è avviato, nel periodo 15 febbraio-31 maggio 2010, il progetto pilota di “Alfabetizzazione motoria nella scuola primaria”, con svolgimento in tutte le regioni italiane, in ciascuna delle quali è stata individuata una provincia di riferimento (in Sicilia, Messina). Interessa, in via sperimentale, mille scuole, diecimila classi, circa duecentocinquantamila alunni tra i sei e i dieci anni (disabili inclusi), con mille insegnanti laureati in Scienze motorie e, possibilmente, anche in possesso di varie esperienze sul campo, sotto la responsabilità educativa del docente di scuola primaria. Vengono assicurate due ore settimanali di ginnastica in ciascuna classe. Finora, per questa fascia di alunni, l’attività era lasciata all’autonomia delle scuole. Elemento determinante, per l’individuazione dei plessi, è stato quello della disponibilità di spazi adeguati al corretto svolgimento delle attività motorie, come palestra, campo sportivo, spazio aperto. Il progetto sarà completato nei successivi tre anni, con il coinvolgimento progressivo di tutte le scuole, per andare poi a regime dal 2013-2014, con costo stimato di 71 milioni di euro. L’iniziativa è frutto della rinnovata collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, con il prezioso apporto anche del Comitato Italiano Paraolimpico, a testimonianza dalla ferma volontà, condivisa, di porre particolare attenzione ai soggetti disabili, nella prosecuzione di una linea inclusiva, alla quale l’educazione motoria può fornire un ulteriore importante contributo.

Annunci

tu che tipo di topo sei?

 

Ma secondo voi nel corso della storia quanti topi hanno tenuto compagnia ai bambini? Topo Gigio, Topolino e Minnie, Hamtaro, Girolamo Stilton… Ne dimentico qualcuno???

Disney on Ice

Per la prima volta in Italia a marzo. Uno spettacolo per tutte le età: una mega produzione Disney On Ice! Prodotto da “Feld Entertainment”, lo straordinario spettacolo è presentato in Italia a Milano (al Palasharp, dal 4 al 7 marzo 2010), a Napoli ( al Teatro Palapartenope, dal 10 al 14 marzo 2010), e a Rom (al Palalottomatica, dal 24 al 28 marzo 2010). Topolino, Minni, Paperino, Paperina e Pippo saranno le simpatiche guide che condurranno grandi e piccini verso quattro celebri mondi incantati Disney quello de “La Sirenetta”, de “Il Re Leone”, di “Lilo & Stitch” e di “Peter Pan e Trilli”. Duecentocinquanta abiti, circa seicento punti luce, le canzoni più famose del repertorio Disney miste a famosissimi pezzi rock. 

Le cose di ogni giorno…

Le cose di ogni giorno

raccontano segreti
a chi le sa guardare

ed ascoltare. (G. Rodari)